Atalanta, Percassi: "Presi dei giocatori che un anno fa sarebbe stato impensabile"

30.11.2023 19:10 di Alessandra Stefanelli   vedi letture
Atalanta, Percassi: "Presi dei giocatori che un anno fa sarebbe stato impensabile"
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

L'amministratore delegato dell'Atalanta, Luca Percassi, ha parlato a Sky Sport a pochi minuti dalla sfida tra i nerazzurri e lo Sporting CP in Europa League, con la formazione di Gasperini che è già qualificata ma che va alla caccia di un punto per blindare il primo posto: "Sappiamo che sarà una grande sfida, lo Sporting è molto forte e lo abbiamo visto anche all'andata nonostante la nostra vittoria. Sarà una sfida molto molto complicata. Penso che per l'Atalanta giocarsi una partita così sia motivo di grande orgoglio, figlia del lavoro. Affrontare una partita così ha tanto significato".

Quanto sarebbe importante arrivare primi già stasera in modo da potersi poi concentrare solo sul campionato fino a marzo?
"Sarebbe un vantaggio ma vediamo come va stasera. Sappiamo l'importanza della partita, giocheremo contro una squadra molto forte e ci sarà da battagliare".

Arrivate sempre prima rispetto agli altri su alcuni giocatori. Come fate?
"Qualche anno fa devo dire che ci trovavamo soli su alcuni giocatori, oggi non è più così. C'è molta più competizione, è difficile raggiungere gli obiettivi. Il mercato si è evoluto e trovare dei ragazzi coerenti con il nostro progetto è complesso ma ci diamo da fare. Continuiamo a lavorare e cerchiamo di fare meno errori possibile".

La vostra strategia è cambiata sul mercato?
"Sono tanti i fattori ma anni fa l'Atalanta era meno conosciuta come società, oggi lo è in virtù di quello che si è fatto. Il target è più altro per noi, la proprietà ha fatto investimenti importanti e abbiamo preso profili che anni fa erano impensabili. Ogni sessione di mercato è diversa, dobbiamo valutare sodo per portare giocatori funzionali".

Come sta El Bilal Toure?
"Sta recuperando, il percorso è in linea e a gennaio tornerà a lavorare con il gruppo. Serve pazienza, ma ci aspettiamo molto".