L'IMBOSCATA - La Juventus di Pirlo in una situazione difficile. La sfida fondamentale con l'Atalanta, tra campo e mercato. Partita interessante anche al Coni...

Andrea Bosco ha lavorato al “Guerin Sportivo“, alla “Gazzetta dello Sport“, al “Corriere d'Informazione”, ai Periodici Rizzoli, al “Giornale“, alla Rai e al Corriere della Sera.
16.04.2021 00:25 di Andrea Bosco   Vedi letture
L'IMBOSCATA  - La Juventus di Pirlo in una situazione difficile. La sfida fondamentale con l'Atalanta, tra campo e mercato. Partita interessante anche al Coni...
© foto di Andrea Bosco

E' una situazione difficile quella nella quale si è infilata la Juventus.  E non tanto per i 12 punti di distacco dall'Inter, ormai non colmabili in ottica scudetto.  La situazione è difficile perché la squadra di Pirlo, ingolfata nel “mucchio selvaggio alle spalle della capolista, là dove ci si scannerà per  un posto in Champions, non può più sbagliare. Tutte le concorrenti corrono. Già lo scontro di domenica con l'Atalanta (antipasto di quello di maggio con  in palio la Coppa Italia)  diventa per la Juventus basilare. Persino un pareggio, in altri tempi non disprezzabile, potrebbe risultare esiziale. La Juve nelle ultime gare ha dimostrato di stare meglio. Ma contro la qualità dell'Atalanta  potrebbe non bastare. I bergamaschi sono alle prese con la squalifica di Gasperini. Ma anche senza il suo  allenatore in panchina la Dea è squadra temibile:  per gioco e qualità individuale. Sarà l'occasione per vedere all'opera quel Gosens che, riferiscono le gazzette, sarebbe nei desiderata di Madama.

Uno dei nomi che gli esperti di calciomercato (da Kean a Scamacca, a Locatelli,a Pogba, forse a Donnarumma) accreditano evidenziato  in rosso sul taccuino di Paratici. Servirà una Juventus brillante. Dovesse fallire si spalancherebbero le porte dell'Europa League: un (eventuale)  quinto posto dalle catastrofiche conseguenze per il bilancio. Servirà una “solidità“ che in questa stagione (dentro e fuori dal campo) la Juventus non ha mostrato. Per la cronaca, per la vicenda Lazio – Torino, Claudio Lotito si è “costituito“ al Coni.  Immagino lo farà anche Cairo per difendere le ragioni del Torino. Sarà interessante verificare se si “costituirà“  la Federazione. Quello che è certo è che stavolta a  Frattini non basteranno venti minuti di discussione. Con Claudio Lotito è presumibile si vada “lunghi“: forse alle calende greche .