L'IMBOSCATA - L'Inter mette le rivali con le spalle al muro. Il futuro di Conte e Marotta: ultima chance? Juve aggrappata a una serie di combinazioni. Pirlo deve battere anche l'emergenza. Ahi, ahi, Haaland...

Andrea Bosco ha lavorato al “Guerin Sportivo“, alla “Gazzetta dello Sport“, al “Corriere d'Informazione”, ai Periodici Rizzoli, al “Giornale“, alla Rai e al Corriere della Sera.
22.02.2021 00:55 di Andrea Bosco   Vedi letture
L'IMBOSCATA - L'Inter mette le rivali con le spalle al muro. Il futuro di Conte e Marotta: ultima chance? Juve aggrappata a una serie di combinazioni. Pirlo deve battere anche l'emergenza. Ahi, ahi, Haaland...
© foto di Andrea Bosco

L'Inter domina il derby, pialla il Milan e mette con le spalle al muro tutte le rivali. Mi piace pensare l'abbia fatto anche nel ricordo e nel segno di Mauro Bellugi, vero campione, vero interista, che il covid si è portato via in un epilogo drammatico dopo una devastante operazione. Ha solo il campionato, Antonio Conte, da gestire. Non ha coppe in Europa e neppure in Italia. La proprietà cinese pare avviata al più totale disimpegno. Così fosse anche il futuro di Conte e Marotta potrebbe essere lontano da Milano. Al pari di quello di alcuni giocatori. Ragione in più per cercare di andare a dama. Potrebbe essere l'ultima occasione.

Migliaia di tifosi di Milan e Inter, sfidando i vigenti divieti in tema di Covid si sono accalcati fuori dal Meazza . Come avevano fatto in passato altri tifosi a Bergamo e Napoli. E non solo lì. Si poteva evitare? Si poteva: schierando la forza pubblica per dissuadere gli assembramenti. Ma non è stato fatto. E non si farà. E forse è persino giusto non si sia fatto. Spero tuttavia di non dover registrare lacrime di coccodrillo se poi i contagi (e i morti) aumenteranno. Quegli assembramenti quasi certamente, costeranno. Come costa ogni giorno sbevazzare al bar per ore, fin dal primo pomeriggio. Voglia di socialità? Cosa comprensibile e umana. Ma pericolosa di questi tempi.

Torno al calcio. Attenzione: c'è un ma. Al limite del surreale per come si sono messe le cose, ma esiste. Il seguente: la Juve vince con il Crotone, vince mettiamo anche il recupero (quando?) con il Napoli, e prende magari anche l'intera posta di Lazio – Juve, visto che in quella gara la Lazio aveva messo in lista un giocatore che non avrebbe dovuto (per questioni sanitarie) presentare. La Lazio è sotto inchiesta. Potrebbe ripetersi una sorta di Verona – Roma , con la Lazio sanzionata. In caso di alisei favorevoli, Madama potrebbe ritrovarsi nella scia di Conte con cospicue possibilità di giocarsi lo scudetto.

Dopo la pessima esibizione di Oporto, la Juve è chiamata a riscattarsi. E' incerottata, con tante, pesanti assenze. Ma le sue residue speranze, passano dall'Allianz e da una vittoria contro il Crotone. Passano da Cr7 e Chiesa, quelli che di solito fanno gol. Potrebbero passare dalle geometrie del giovane Fagioli se Pirlo darà fiducia al suo inesperto ma talentuoso regista.

Nel frattempo Fabio Paratici indossi il cilicio: Haaland dopo aver segnato in Champions si è ripetuto con una doppietta in Germania. Sì: Paratici indossi un cilicio alla Jacopone da Todi. E soffra: come ogni volta che segna il “biondo“ soffrono i tifosi, Nel segno del rimpianto. Di ciò che avrebbe potuto essere e maledettamente non è stato.