QUELLA COSA MOSTRUOSA CHE CI HA RIPORTATO INDIETRO DI MESI

29.09.2020 09:00 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
QUELLA COSA MOSTRUOSA CHE CI HA RIPORTATO INDIETRO DI MESI

Un errore incredibile che sicuramente non vorremmo più rivedere: il contropiede che ha portato al due a uno di Veretout nella sfida con la Roma di domenica è il chiaro esempio di quello che non si deve fare.

Una squadra totalmente sbilanciata,  in un momento della partita in cui non c’è n'era francamente bisogno, mancava poco alla fine del primo tempo, in un momento della gara in cui i bianconeri non solo avevano sofferto nella prima frazione ma erano riusciti a pareggiare a fatica e quindi quel risultato doveva essere portato a termine per i pochi minuti restanti per poi riorganizzarsi nell'intervallo. La squadra a differenza di quello che era Pirlo in campo è sembrata poco lucida e poco intelligente nelle scelte lasciando il fianco agli avversari. 

L'errore del finale di primo tempo fa il paio con l’espulsione di Rabiot, errori che insieme a quelli della Roma sottoporta avrebbero permesso ai bianconeri addirittura di vincere una partita che sicuramente non meritavano ma che con maggior attenzione, visti gli episodi, si poteva anche portare a casa, bisognava essere lucidi in un paio di situazioni, lo stesso vale per Pirlo ed il suo staff, non abile nel capire che Rabiot era a rischio secondo giallo. 

L’errore più grave, tuttavia, riguarda la fase difensiva, riporta all’anno passato quando la squadra di Maurizio Sarri, da migliore difesa della serie A era diventata un colabrodo nella fase post Lockdown. Questi errori ce li ricordiamo bene nelle gare contro il Milan, con il Sassuolo, contro la stessa Roma, contro il Cagliari, una squadra totalmente sbilanciata e spesso disattenta sulle ripartenze avversarie. Il passaggio di Cuadrado orizzontale ieri, sembrava l'errore di Alex Sandro, insomma, ci tornano in mente tanti piccoli difetti che si sperava fossero risolti ma che ieri sono ritornati mostruosamente alla luce.

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve