OTTIMISTI SI, MA ADESSO NON ESALTIAMOCI PER UN TERZO POSTO

15.11.2022 00:05 di Massimo Pavan Twitter:    vedi letture
OTTIMISTI SI, MA ADESSO NON ESALTIAMOCI PER UN TERZO POSTO
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Nel calcio ci vuole sempre equilibrio, lo dicevamo prima quando la Juventus era all'ottavo posto e distrutta dal Maccabi e lo diciamo ancora oggi a dieci punti dalla prima ed al terzo posto.

La vittoria con la Lazio ha permesso di ottenere il terzo posto in classifica a più sette rispetto alla scorso anno, ma anche di dare qualche segnale di Juve bella e con ambizione.

OTTIMISMO MA... - C'è da essere ottimisti, quindi, ma da qui ad esaltarsi ce ne passa. Nessuno ha la benchè minima intenzione di esaltarsi per il terzo posto, considerando che l'obiettivo stagionale era e deve essere quello di lottare fino alla fine per il campionato, cosa che ad oggi è possibile ma anche molto difficile a dieci turni dalla prima.

I bianconeri, quindi da gennaio in avanti per centrare l'obiettivo stagionale, dovranno cercare di limare i punti sulle squadre che la precedono e non farsi sorpassare da chi li segue.

Considerando il furto di punti con la Salernitana, i bianconeri sarebbero a pari con il Milan, non siamo dei folli a pensare che la squadra, al completo, mantenendo l'attenzione delle ultime sei partite, possa ambire ad arrivare a marzo a sei punti dal Napoli, per poi giocarsi il rush finale.

Insomma, oggi la Juventus ha fallito il passaggio Champions, ma per il resto, corsa sul Napoli, a parte, considerando le assenze, non è andata fuori giri ed ha tutte le possibilità di riprendere la corsa a gennaio, a patto che il Mondiale non restituisca dei "catorci", ma calciatori con una condizione simile a quando sono partiti.

Oggi c'è da essere positivi ed ottimisti, ma nessuna esaltazione, la strada è ancora molto ma molto lunga.

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve