ESCLUSIVA TJ - Antonio Nocerino: "Juve impressionante, nell'XI misto giocherebbero solo Donnarumma e Romagnoli. Bonucci? Al Milan sembrava il cugino. E su Higuain..."

08.11.2019 13:30 di Mirko Di Natale Twitter:    Vedi letture
© foto di Alberto Lingria/PhotoViews
ESCLUSIVA TJ - Antonio Nocerino: "Juve impressionante, nell'XI misto giocherebbero solo Donnarumma e Romagnoli. Bonucci? Al Milan sembrava il cugino. E su Higuain..."

"In questo momento non sembra esserci partita, ma il calcio è strano e sempre molto particolare. Spero che questo Juventus-Milan non sarà scontato come appare sulla carta, mi auguro una partita molto bella e combattuta da vedere". Sono queste le parole di Antonio Nocerino, doppio ex della sfida tra Juventus e Milan, che in esclusiva ai microfoni di TuttoJuve.com analizza il match e non solo:

A tuo parere, che momento è questo per affrontare la Juventus?

"Può essere bello ma anche brutto il momento, ma fare risultato significa farti andare a mille l'autostima. Perché, comunque, affronti la Juventus che è la squadra più forte in Italia e le paure possono del tutto scomparire. Per far svoltare la situazione, ai rossoneri basta davvero un risultato positivo. La speranza è che la squadra si possa riprendere e che possa allontanare il periodo negativo, è da anni che vive situazioni del genere. C'era stata una ripresa con Rino (Gattuso ndr), ora ci sono più bassi che alti".

La Juve, invece, vince ma non convince la critica. Credi che la squadra stia vivendo un momento un po' di fatica?

"E' vero, Juventus non sta giocando benissimo ma vince. Per la grande squadra tutto questo è normalità, sono d'accordo che bisognerebbe giocar bene ma i campioni a sua disposizione possono far sopperire alla mancanza di gioco. A Mosca entra Douglas Costa e vinci 2-1, il gioco non sarà stato fantastico però ti sei qualificato e ora hai a disposizione due partite in cui puoi far riposare i tuoi big. Anche se in questo caso non c'è molto bisogno di questo, la Juve ha due squadre ed è impressionante sotto questo punto di vista. I giocatori sono allenati per disputare tre partite a settimana".

La critica ha sempre paragonato il centrocampo degli ultimi anni con quello formato da Pirlo, Vidal, Pogba e Marchisio che tu hai affrontato da avversario. Però gli attuali centrocampisti, presi singolarmente, stanno vivendo un grande momento e sembrano quelli che più hanno beneficiato del nuovo corso Sarri. Sei d'accordo che questo reparto è quello che più ha fatto il salto di qualità in questa squadra?

"Stiamo parlando di giocatori davvero molto forti, diversi da quelli che componevano il centrocampo della Juventus di qualche anno fa che erano devastanti. Ad esempio con Pirlo giocavi bendato, lui vedeva giocate che altri non erano in grado di notare. Il reparto è vero che ne sta beneficiando, però non dimentichiamoci che anche l'attacco sta facendo bene e penso che sia più un discorso da fare sulla squadra intera. Anche perché in Italia, la Juventus è uno squadrone ed è superiore a tutte le avversarie".

Gonzalo Higuain ritroverà il Milan da avversario, non ha fatto benissimo nell'esperienza in rossonero dello scorso anno. A tuo avviso, sarà carico a pallettoni per questa sfida?

"Non credo che andrà a guardare questo, lui sta facendo benissimo e ha trovato il suo maestro. Tutti sanno che è un grande giocatore. Senza offesa, ma per lui è più facile giocare con giocatori del calibro di Dybala e Ronaldo piuttosto che con calciatori come me. La testa fa tanto. Come Leo: al Milan sembrava il cugino e qui invece ha ritrovato quella serenità e quella forza che aveva anche con Chiellini e Barzagli".

Se dovessimo formare un XI misto, che tipo di squadra verrebbe fuori?

"In questo momento, io manterrei 9/11 della Juventus e cambierei soltanto il portiere e il difensore centrale. Inserirei, dunque, Donnarumma solo se non dovesse giocare Buffon perché Gigi resta il migliore di tutti. Gigio è il suo erede, per i prossimi 10-15 anni sarà il più forte portiere italiano e che cosa si può dire ad un ragazzo che in giovane età ha già più di 100 presenze in un club come quello rossonero. E' stato massacrato per il suo compenso, ma è inutile fare questi paragoni. In difesa, accanto a Bonucci, metterei Romagnoli perché Chiellini è assente".

Negli ultimi giorni, alcune indiscrezioni hanno accostato incredibilmente il nome e il cognome di Zlatan Ibrahimovic alla Juventus. Secondo te, sarebbe utile in questo momento ai bianconeri?

"Io lo vedrei bene in tutte le squadre italiane accostate, Zlatan è in grado di spostare gli equilibri. Dove lo vedrei meno bene è proprio paradossalmente la Juventus, non ha bisogno di lui a differenza di Napoli, Inter e al Bologna dove sarebbe anche più utile. Sarebbe affascinante vederlo in Emilia, poi con Mihajlovic ha un bellissimo rapporto e penso che un suo approdo in rossoblù sarebbe un evento che andrebbe oltre il semplice gioco del calcio".

Si ringrazia Antonio Nocerino per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.