DYBALA-LOCATELLI SETTIMANA DECISIVA. RONALDO? ALLEGRI HA FRETTA. ICARDI SPERA

19.07.2021 17:30 di Quintiliano Giampietro   vedi letture
DYBALA-LOCATELLI SETTIMANA DECISIVA. RONALDO? ALLEGRI HA FRETTA. ICARDI SPERA
TuttoJuve.com
© foto di Image Sport

Se il campionato iniziasse oggi, Dybala sarebbe già pronto. L'ottimo stato di forma con cui l'argentino si è presentato alla Continassa ha impressionato tutti, in primis Allegri. I due si sarebbero già incontrati per un faccia a faccia e il tecnico ha confermato al giocatore di averlo eletto come perno del suo nuovo progetto, a prescindere dal modulo tattico: 4-2-3-1, 4-3-3 o 4-4-2. Via le incomprensioni del passato. Si riparte da Paulo. Così potrà dimostrare di avere le carte in regola per diventare uno dei simboli della Juve futura. Nei prossimi giorni è previsto l'incontro con l'agente Antun per definire il prolungamento del contratto, molto più vicino rispetto alle resistenze dei mesi scorsi, soprattutto alle pretese economiche ritenute elevate dal club. “Paulo vorrebbe un ingaggio come se fosse tra i top 5, invece al momento riteniamo rientri tra i primi 20”, aveva detto tempo fa il presidente Agnelli. Tradotto, 10 milioni netti l'anno più bonus per arrivare a 12 ed allinearsi così all'ingaggio di De Ligt, secondo della rosa, dietro all'inarrivabile Ronaldo.

Bisognerà invece attendere il terzo incontro con il Sassuolo per capire se Locatelli e Madama convoleranno a nozze. L'ultima offerta della Juve è di 30 milioni, più bonus legati al rendimento del neo campione d'Europa e agli obiettivi raggiunti dal club. La cifra potrebbe aumentare di 10 milioni, ma il vero nodo riguarda la formula perché i bianconeri ne vorrebbero una simile a quella con cui hanno portato Chiesa a Torino. Per il Loca prestito e diritto di riscatto che diventa obbligo solo in caso di qualificazione alla Champions League. Il Sassuolo invece insiste per l'obbligo a prescindere o legato alle presenze del giocatore. Appuntamento tra qualche giorno con l'unica cosa certa: Locatelli vuole a tutti costi indossare la maglia bianconera, la stessa che da piccolo aveva nella sua cameretta. Se ne facciano una ragione Arsenal e Borussia Dortmund. Nel caso in cui l'operazione non andasse in porto, ci sarebbe Tolisso come piano B, almeno secondo la stampa francese. 

E Ronaldo? Domenica prossima il fuoriclasse portoghese è atteso in ritiro, la percentuale della permanenza sembra essere cresciuta, ma resta qualche dubbio. L'unico club in grado di sopportare i 31 milioni netti a stagioni sembra il Psg del facoltoso sceicco qatariota Al-Khelaifi che oltre ad inserire l'ennesima stella nella rosa di Pochettino, utilizzerebbe il lusitano anche come veicolo promozionale per i Mondiali del 2022. L'ipotesi è tornata alla ribalta dopo le indiscrezioni provenienti dalla Francia (fonte L'Equipe), ma legata ad una serie di intrecci. Se Mbappé dovesse approdare al Real Madrid, libererebbe la strada di Parigi a Cristiano. Ipotesi concreta, mentre è certezza il cartello vendesi sul nome di Icardi. Già nel mirino di Paratici qualche stagione fa, l'argentino avrebbe indicato come prima scelta proprio la Juve e sarebbe gradito ad Allegri. Forse non è casuale il vestito zebrato indossato qualche giorno fa dalla moglie/agente Wanda Nara. Intanto Ronaldo lancia un messaggio criptico sui canali social, in cui è appoggiato ad una delle sue fuoriserie. “Giorno della decisione”, il testo del post. Allegri avrebbe contattato giorni fa il 36enne cinque volte Pallone d'Oro per parlargli del suo progetto tecnico-tattico. Prendere o lasciare. Max ha fretta.