DA ZERO A DIECI - QUEST’ANGEL FA TUTTO BENE, DA DIECI!

16.08.2022 15:20 di Massimo Pavan Twitter:    vedi letture
DA ZERO A DIECI - QUEST’ANGEL FA TUTTO BENE, DA DIECI!
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

La prestazione contro il Sassuolo è una buona dose di fiducia, anche se il risultato che e' sicuramente positivo non evidenzia le difficoltà che i bianconeri hanno avuto nel primo tempo. Sicuramente sono di più le indicazioni positive rispetto a quelle negative. 

ZERO - Come i gol subiti, Perin bravo ad effettuare più di una parta, decisivo per mantenere il clean sheet nel finale su Pinamonti. Contro una formazione che crea molto, i bianconeri hanno retto bene.

UNO -  come i gol che segna Di Maria, l'argentino marca subito visita e segna un gol bello, non tanto per il tiro quanto per l'idea della conclusione al volo.

DUE - come i potenziali rigori che si potevano dare alla Juventus. Su Alex Sandro intervento molto al limite, altrove abbiamo visto concedere di peggio.

TRE - come ore reti segnate, non capitava da un po' di vincere con tre reti di scarto, speriamo tutti che possa essere un buon segnale. 

QUATTRO - come le reti che poteva segnare Vlahovic. Due gol li realizza ma in tre occasioni va vicino alla rete con palloni fuori di poco

CINQUE - a Berardi. Il giocatore del Sassuolo non sta vivendo un buon periodo e dopo le polemiche di coppa Italia gioca una partita nervosa scomparendo dopo il cooling break.

SEI - al centrocampo della Juventus, non una partita memorabile. Controllo e qualche iniziativa ma pochi inserimenti. MCKennie ancora in ritardo e spesso impreciso.

SETTE - a Danilo ed Alex Sandro. Poco da dire, bella la loro prestazione, Danilo si moltiplica e spesso corre anche in attacco con inserimenti puntuali. Alex Sandro gioca un primo tempo di vecchio stile e chissà che non si sia risvegliato, la speranza c'è....

OTTO - alla coppia centrale. Bonucci e Bremer si intendono bene, qualche pallone impreciso in uscita, ma poca roba. Ottimo il brasiliano sulle palle alte, le prende quasi tutte.

NOVE - a Vlahovic, si prende il suo vecchio numero e torna a fare il bomber, si propone, corre, lotta, fa a sportellate. Vive per il gol e lo si vede benissimo da come segna il rigore. Vuole spaccare tutto, ottimo segnale, ma come dice Allegri può migliorare. 

DIECI - a Di Maria. Fa tutto bene, dal gol, all'assist, ma la perla e' una cavalcata sulla fascia di destra conclusa con un tiro a girò fuori di nulla. Il "Fideo" incanta e ora tutti a incrociare le dita.