ALLEGRI VEDE SOLO UN RISULTATO ED AMMETTE L'ERRORE MA CHE NON E' STATO DATO IL GIUSTO...

18.09.2022 09:30 di Massimo Pavan Twitter:    vedi letture
ALLEGRI VEDE SOLO UN RISULTATO ED AMMETTE L'ERRORE MA CHE NON E' STATO DATO IL GIUSTO...
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Massimiliano Allegri si aspetta assolutamente una reazione dalla sua squadra dopo la disfatta con il Benfica, disfatta più nell'atteggiamento del secondo tempo della partita che nel risultato. A Monza sarà una sfida non semplice, i brianzoli hanno ottenuto il primo punto a Lecce, hanno un ottimo organico e vogliono farsi vedere di fronte al nuovo allenatore.

Il tecnico bianconero chiede grande attenzione rispetto a quanto successo nelle ultime partite, migliorando le marcatue e le letture.

Allegri al momento non cerca alibi ma precisa che: "Per quanto riguarda sulla Juve virtuale, se metti nel campetto la squadra migliore non l'abbiamo. Sugli infortuni mi sono fatto dare un report dai dottori. Abbiamo avuto 11 infortuni muscolare rispetto ai 10 dello scorso anno ma con 8 partite in più. Abbiamo avuto McKennie, Pogba, Chiesa. Noi siamo sempre in discussione sicuramente abbiamo sbagliato e io ho sbagliato più degli altri. In questi momenti ci vuole lucidità perchè se avessimo vinto con il Benfica cosa avremmo detto? In questo momento dare spiegazioni non serve a niente. Non possiamo vedere tutto negativo, noi dobbiamo cercare di finire bene domani e poi dopo la sosta recupereremo alcuni giocatori. Dobbiamo cercare di andare a Lisbona a giocarsi una finale Quello che è negativo ora può essere positivo fra 20 giorni. L'anno scorso abbiamo avuto problemi ai flessori, quest'anno agli adduttori. Cerchiamo di darci una spiegazione sugli infortuni, ma sul fatto che lo staff lavori bene non ci sono dubbi.  Per dare continuità ad un sistema di gioco bisogna avere i giocatori. Di Maria è fuori dal 20 agosto e a parte Cuadrado che può fare quel ruolo con altre caratteristiche per questioni anagrafiche ho dovuto cambiare e devo non far sentire la mancanza. Non è il sistema, dobbiamo limitare gli errori che facciamo sul primo gol del Benfica. Il rigore è una palla nostra nell'area di rigore e abbiamo sbagliato un'uscita. Questo va evitato, prendiamo gol troppo facilmente, a Parigi l'ho subito detto. A volte sembra che le cose le veda solo io e mi preoccupo per me. Di questi tempi ne ho già passati, più ci piangiamo addosso peggio è. Se uno già vede le cose in maniera propositivo credo che si lavori meglio. Poi i risultati ti danno più tranquillità, faccio sempre l'esempio di quando cascavamo dal giornale dopo la sconfitta contro il Sassuolo. Il giorno dopo io sorrisi a tutte le critiche alla Juve che "aveva giocato male".Se avete tempo, quella partita lì rivedetela: la Juve subì un tiro con Sansone e sbagliò otto gol, il giorno dopo le critiche con i titoli "l'allenatore che non capisce niente". Un girone dopo, la cosa buffa era questa, fateci attenzione: giochiamo qui col Sassuolo, una partita allucinante, vinciamo 1-0 di combinazione e rischiamo l'impossibile. Eravamo in testa alla classifica e avete scritto: che grande Juventus! Ai ragazzi invece io avevo detto: abbiamo fatto schifo! Ma è quello che vedi e percepisci delle cose, non è che tutto andava bene per la vittoria e la vetta della classifica perché la prestazione resta la stessa ed è il momento che ti fa pendere da una parte e dall'altra.

Il tecnico ammette qualche possibile errore e sorride al tema esonero: "Magari ho sbagliato dei cambi, la formazione, la preparazione. Mi mancava il fatto di Allegri esonerato. Sono molto contento di questo. Con la società parliamo tutti i giorni e analizziamo. Io devo sempre spiegazioni alla società. Dobbiamo rimanere sereni perchè possiamo solo migliorare. Come c'è un mezzo risultato Allegri è in discussione. Mi diverte, capisco molto voi. Mi sembra di parlare l'italiano in modo corretto, ho detto che sono fiducioso su quello che stiamo facendo e su quello che sarà. Poi è normale che i risultati giudicheranno il mio lavoro e quello dello staff. Direi che bisogna essere fiduciosi e di questo sono convinto e sereno".

Bisognerà sicuramente essere più attenti e concentrati: "Abbiamo parlato con la squadra, non possiamo prendere i gol come abbiamo preso. I gol vanno presi perchè gli altri sono bravi e non per i nostri errori. Dobbiamo fare una partita intelligente e giusta e attraverso la prestazione portare a casa i tre punti. Bisogna andare avanti con fiducia per prepararsi al campionato e portare avanti questa sfida che sembra impossibile ma non è possibile. Detto questo se ci avessero dato il nostro saremmo in un posizione migliore in classifica. Io non dico di più, ma parlo del nostro".

La gara di oggi è fondamentale per la Juventus ma soprattutto per Allegri, se vince non passerà una buona sosta, ma quanto meno, vivrà una situazione di sperenza per il futuro.

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve