Gli eroi in bianconero: Giorgio ROSSANO

Pionieri, capitani coraggiosi, protagonisti, meteore, delusioni; tutti i calciatori che hanno indossato la nostra gloriosa maglia
20.02.2020 10:30 di Stefano Bedeschi   Vedi letture
Gli eroi in bianconero: Giorgio ROSSANO

Uno che aveva i mezzi tecnici per farcela – si legge sulla pagina Facebook de La Maglia della Juve del 9 dicembre 2019 – ma non riuscì a realizzarsi pienamente a causa di una mentalità non proprio ferrea è stato Giorgio Rossano.

Il suo palmarès è degno di un campione: scudetto e Coppa Italia con la maglia della Juve, Coppa dei Campioni con quella del Milan. Eppure, la partecipazione a quelle imprese fu, da parte sua, del tutto trascurabile: il suo nome, accostato al calcio di altissimo livello, è ricordato dai meno giovani o dai più interessati alle meteore del passato, anche se sarebbe inesatto affermare che la sua parabola agonistica sia trascorsa senza lasciar segni tangibili: ha frequentato la nazionale giovanile con risultati più che degni, ha anche girovagato per la provincia italiana raccogliendo una quarantina di presenze complessive.

Torinese, classe 1939, Rossano si fa notare nelle fila delle giovanili bianconere: per inciso, nel Pordenone, all’epoca militante in serie C. I neroverdi erano una sorta di succursale della Juventus, che soleva attingervi se vi scorgeva qualche talento capace di sedurla. Una sorta di giovanile a nostra disposizione, dove crebbe anche un certo Zigoni, che divenne un simbolo della nostra Serie A e non si arrese mai a chi lo voleva “normale”.

Rossano debutta con la Vecchia il 20 marzo 1960: al Comunale, vinciamo 2-0 sulla Lazio in occasione della 20esima giornata di Serie A; segnano Nicolè e Charles. Quella presenza permette al ragazzo di far parte integrante della Juventus che fagocita, per prima nella storia, il primato nazionale, vincendo il tricolore e la Coppa Italia. Per il nostro, un’annata da incorniciare: del resto, era cominciata splendidamente, con brillanti prestazioni ai Giochi Olimpici romani. Era stato capocannoniere degli azzurri di Viani classificatisi quarti, aveva segnato due gol all’Inghilterra e due al Brasile (nel 3-1 che, oltre a lui, aveva visto andare in rete Gianni Rivera).

Siamo ai nastri di partenza dell’annata 1960-61: Cesarini, tecnico della Vecchia, lo nota nel ritiro cuneense e lo battezza con una sentenza lapidaria: “È veramente un bravo ragazzo, in campo e fuori. Ma per diventare un giocatore vero dovrebbe girare un po’ il mondo e passare qualche notte in guardina”. Il paradosso del geniale Renato sottolineava inesorabilmente la scadenza temperamentale di Giorgio. Rossano si trasferisce momentaneamente al Bari, in prestito: I galletti retrocedono, ma il suo apporto non è affatto deludente.

La stagione susseguente riapproda all’Ombra della Mole: Rossano gioca sedici incontri fra coppe e campionato, provando in due occasioni l’ebbrezza del gol. Nonostante si disimpegni con abilità tecniche non comuni in tutti i ruoli dell’attacco e sia in grado di farsi valere con entrambi i piedi non riesce a convincere pienamente lo stato maggiore bianconero. La Fidanzata d’Italia delude i suoi spasimanti, i grandi assi imboccano la parabola discendente o, come nel caso di Boniperti, hanno già appeso le scarpe al chiodo: Madama finisce dodicesima, anche se si toglie lo sfizio di divenire la prima squadra a imporsi in casa del Real Madrid in una gara valevole per una coppa europea: quella volta, a Omar, andava di segnare e far sognare, di risaltare davanti a Di Stefano e di far risaltare i compagni, di vincere.

Altra estate, altro giro d’ombrellone per il buon Giorgio: finisce al Milan, nel complesso dell’operazione che porta Salvadore alla Juve e Mora in braccio al “Diavolo”. Anche in rossonero, non incide: sei partite, tre reti, sempre quando conta “meno”.

Torna a Torino per l’ultima volta nel 1963, ma questa volta non strappa nemmeno un applauso: non gioca mai, e a fine anno viene ceduto al Varese; la sua avventura bianconera termina così.

Se avesse avuto un po’ più di personalità e un po’ meno tecnica, forse ce l’avrebbe fatta. Già: se.