ESCLUSIVA TJ - Simone Bernardo (Ag. Coccolo): "Ha scelto la Spal per il progetto, vi dico quali squadre erano su di lui. Non era il momento di giocarsi le sue chance alla Juve"

24.07.2021 11:30 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Simone Bernardo (Ag. Coccolo): "Ha scelto la Spal per il progetto, vi dico quali squadre erano su di lui. Non era il momento di giocarsi le sue chance alla Juve"
TuttoJuve.com
© foto di Image Sport

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, il procuratore di Luca Coccolo, Simone Bernardo, per parlare del trasferimento del suo assistito alla Spal e non solo:

Dopo settimane in cui è stato accostato a diversi club, Coccolo è stato ufficializzato poche ore fa dalla Spal. Come mai ha scelto Ferrara?

"Su Luca c'erano tante squadre, è vero, ma abbiamo scelto la Spal per il progetto tecnico. E' arrivato Tacopina, la società ha l'ambizione di salire nella massima categoria già a partire da quest'anno. Ferrara è una piazza importante, poi due anni fa aveva rischiato di esordire in Serie A proprio al Paolo Mazza. Si può dire che si è finalmente chiuso un cerchio".

Hai accennato alle tante squadre interessate a Coccolo, ci puoi fare i nomi?

"C'era la Cremonese, il Pisa, l'Alessandria, il Pordenone e tante altre squadre ancora, diciamo che era un giocatore molto richiesto. Il progetto di Tacopina è ciò che lo ha affascinato maggiormente, per questo abbiamo scelto di andare qui".

Quale è stata la sua prima reazione? Non è che forse voleva rimanere alla Juve per giocarsi le sue chance?

"Assolutamente no, sapevamo tutti che per giocare alla Juve devi fare un percorso di crescita. Luca non ha mai pensato a questo, il suo obiettivo è ora di far bene in B e cercare di conquistare la A. Se dovesse andar bene, è chiaro che potrebbe tornare a Torino".

E' stato molto sfortunato nella sua ultima esperienza a Cremona, ora come sta fisicamente?

"E' in grandissima forma, pronto per fare 30 presenze quest'anno".

Ha firmato da poco il suo contratto, ma è già diventato uno spallino doc?

"Ovviamente, se poi lo dovessero tenere sarà adottivo di Ferrara".

Si ringrazia Simone Bernardo per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.