esclusiva tj

Roberto Galia: "Più identità e cattiveria giusta, Juve proverà a far male al Napoli. Mercato? Voto Phillips, è il centrocampista che manca"

07.12.2023 11:45 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Roberto Galia: "Più identità e cattiveria giusta, Juve proverà a far male al Napoli. Mercato? Voto Phillips, è il centrocampista che manca"
TuttoJuve.com
© foto di Federico De Luca

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, l'ex calciatore bianconero dal 1988 al 1994, Roberto Galia, per parlare approfonditamente di Juve-Napoli e non solo:

Come arriva la Juventus alla sfida di domani sera?

"Vedo una squadra che comincia ad avere degli obiettivi ben precisi, la squadra ci crede e questo è l'importante. I risultati che stanno arrivando sono molto importanti, è lì a due punti dall'Inter che sta facendo un qualcosa di importante. La Juve se la potrà giocare fino alla fine, considerando poi che non ha impegni internazionali a cui dover far fronte".

Ti piace nonostante non stia brillando sotto il punto di vista del gioco?

"Non sarà mai spettacolare con Allegri, è una squadra che bada più al sodo. Nelle ultime partite sta raggiungendo quella concretezza che l'ha un po' sempre contraddistinta. E quel che contano, alla fine, sono solo i risultati".

Ritornando al match di Monza, credi che la squadra abbia acquisito quella consapevolezza in più che mancava lo scorso anno?

"Mi sembra sia diventata grande in questo senso, lo scorso anno l'avrebbe probabilmente pareggiata per 1-1. Anche i giovani sono sicuramente maturati e possiedono più esperienza, vedo un po' più di quella cattiveria giusta per vincere questo tipo di sfide. C'è più identità".

Che Juventus ti aspetti contro il Napoli?

"Sicuramente propositiva, che proverà a far male il più possibile al suo avversario. Cerchiamo di sfruttare l'entusiasmo, il momento è abbastanza positivo. Il Napoli è una squadra dai due volti, si deve ancora assestare con Mazzarri ma la rosa è pressapoco la stessa che ha vinto il campionato. E' sempre un po' imprevedibile, con l'Inter il risultato è stato bugiardo. Gli azzurri sono sempre gli azzurri, venderanno cara la pelle".

Poi c'è da dire che per il Napoli sarà la partita dell'anno.

"Sì, ma questo accade un po' a tutte le formazioni che affrontano la Juventus. Succedeva già ai miei tempi, li vedevi carichi e vogliosi come non mai di fare risultato. Per noi, invece, come accade anche oggi, è sempre stata una partita come le altre. Alla fine non è che la posta in palio vale di più".

Che ne pensi di Vlahović? Sembrava essersi sbloccato con l'Inter, salvo poi giocar male con il Monza.

"Sorrido sempre quando sento di un attaccante che si è sbloccato, poi Vlahović gioca in una squadra che produce poche occasioni da gol. Non bisogna star lì e puntare troppo il dito, per me è molto forte e sono sicuro che darà una grossa mano alla Juve con le sue prestazioni".

Quale è il nome che manca per competere per lo scudetto? Su chi punteresti a gennaio?

"Per me manca un giocatore davanti alla difesa che sia in grado di smistare il gioco. Per caratteristiche mi piace molto Kalvin Phillips, sarebbe il profilo giusto per quel ruolo. Poi arriva dal calcio di Guardiola, mi è capitato di guardare il suo City con il Liverpool e nel primo tempo hanno sbagliato a giocare un solo pallone. Assurdo. Se la società dovesse avere la possibilità di acquistare qualcuno, personalmente punterei su un giovane che farei ambientare e poi lancerei negli anni successivi. Ma sono sicuro che la dirigenza saprà che cosa fare".

Si ringrazia Roberto Galia per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.