ESCLUSIVA TJ - Robert Jarni: "Allegri la cura per CR7, ma non cambierà modo di giocare. Chiesa? E' incedibile. Vi dico i tre giocatori da far prendere alla Juve"

16.07.2021 11:30 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Robert Jarni: "Allegri la cura per CR7, ma non cambierà modo di giocare. Chiesa? E' incedibile. Vi dico i tre giocatori da far prendere alla Juve"
TuttoJuve.com

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, l'ex difensore bianconero nella stagione 1994/95, Robert Jarni, per parlare delle ultime vicende accadute in casa Juve e non solo:

La prima novità che emerge dal raduno dei bianconeri è il ritorno di Allegri. Che cosa pensi di lui?

"Allegri conosce benissimo l'ambiente, si sente a casa e si augura di veder rinforzata la rosa. E' un top coach, d'altronde la storia parla per lui. Sono molto curioso dalla nuova Juve, per me le premesse per far bene ci sono tutte".

Credi che Allegri cambierà il suo modo di giocare?

"Non credo cambierà tanto, credo che la Juve di Allegri sarà simile all'Italia di Mancini che cominciava sempre con gli stessi undici".

Juventus che diventa di nuovo favorita per vincere in Italia?

"E' presto per dirlo, perché in questo momento nessuno ha ancora fatto mercato in Italia. Sicuramente sono in salita le quotazioni per tornare a vincere".

A proposito di mercato, prima di parlare dei possibili acquisti è giusto aprire una parentesi su chi rimarrà. Chiellini sarà uno di questi?

"Spero proprio si metterà d'accordo con la Juventus, mi ha molto colpito il fatto che sia ancora svincolato. Lui e Bonucci all'Europeo hanno giocato in maniera fantastica, tutto sta a capire la loro fame. I bianconeri hanno anche de Ligt, Demiral e Rugani, per me sono coperti in quella zona".

Ti piace Locatelli? Farebbe bene la Juve a scommettere su di lui?

"Sì, Locatelli è un giocatore che mi piace. Ho avuto modo di seguirlo all'Europeo che ho commentato per la tv bosniaca, quando ha giocato è riuscito a far sempre bene. Se dovesse unirsi alla Juve, sarei contentissimo".

Commentando l'Europeo per la tv bosniaca hai avuto modo di vedere molte partite. Chi ti ha impressionato di più?

"Sono rimasto ancor più meravigliato da Chiesa, ero rimasto sorpreso quando leggevo la formazione dell'Italia e lui era in panchina. Poco a poco si è meritato il posto da titolare, è stato decisivo in quasi ogni partita. Se la Juve vuole competere per la vittoria, non deve assolutamente cederlo. Neanche per offerte folli".

Una delle ultime volte che ci siamo sentiti, avevi detto che Cristiano poteva tornare al Real Madrid. Ora come la vedresti una sua eventuale permanenza alla Juventus?

"Cristiano ha ormai 36 anni, ha modificato molto il suo gioco ed è diventato ancor più devastante. Ha un killer instinct fuori dal comune, riesce sempre ad anticipare l'avversario e a far gol. L'unico problema è che influisce tantissimo nei confronti dei suoi compagni, penso che Allegri dovrà esser bravo in virtù della sua esperienza a trovare un compromesso con lui. Sono sicuro che ci riuscirà".

C'è un giocatore che consiglieresti alla Juve di acquistare?

"Nell'Europeo che è appena terminato, la differenza è stata fatta dai giocatori della Serie A. Perché a parte l'Italia campione, sono rimasto colpito da Gosens, Pasalic e Damsgaard. La Juve dovrebbe tenerli d'occhio".

Si ringrazia Robert Jarni per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.