ESCLUSIVA TJ - Martin Guastadisegno (Ag. Soulé): "Contentissimo di aver giocato in prima squadra, non si deve montare la testa. Studia con attenzione i campioni bianconeri"

26.07.2021 13:30 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Martin Guastadisegno (Ag. Soulé): "Contentissimo di aver giocato in prima squadra, non si deve montare la testa. Studia con attenzione i campioni bianconeri"
TuttoJuve.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, il procuratore che cura gli interessi del giovanissimo Matias Soulé che ben si è messo in mostra nell'amichevole con il Cesena, Martin Guastadisegno, per parlare approfonditamente del talento bianconero della Primavera di Bonatti e non solo:

Nella Juve infarcita di giovani vittoriosa con il Cesena, uno dei giocatori che più ha rubato gli occhi è stato Soulé. Ci puoi descrivere le sue qualità?

"E' un ragazzo dotato di buonissima tecnica, di gamba, che prova sempre a saltare l'avversario per creare più pericoli possibili. Possiede i tempi per l'ultimo passaggio, Mati poi ha anche un bel tiro. La sua qualità più importante è l'intelligenza, sicuramente deve continuare a crescere come sta facendo senza montarsi la testa".

Lo scorso anno ha disputato un buon campionato Primavera in cui ha messo a segno 5 gol.

"L'importante non è la quantità di gol segnati, ma è l'apporto che riesce a dare alla squadra. D'altronde è sempre stato così, lo conosco da undici anni ed è stato il primo ragazzino che ho preso in procura. E' meglio come ragazzo che come calciatore".

Ti ha raccontato qualcosa della partita e dei primi allenamenti svolti con Allegri e i compagni più grandi?

"Mati è molto contento, mi ha raccontato la grande disponibilità dei compagni. Ha 18 anni ed è stato bellissimo poter giocare per la prima squadra della Juventus. Lo ribadisco: l'importante è che resti con i piedi per terra".

Essendo argentino, il suo punto di riferimento è Dybala? Oppure si ispira a Messi?

"No, non ha nessuno a cui si ispira in particolare. Mati ha sempre guardato con attenzione tutti i giocatori del suo ruolo, è chiaro che essendo argentino il primo riferimento è Messi. Però non deve andare molto lontano per trovare dei veri campioni, perché Dybala, Ronaldo, Chiesa e tutti gli altri giocano nella Juventus. Li studia con attenzione, vuole apprendere il più possibile".

Quali sono i suoi obiettivi futuri?

"La verità è che quella è una finalità della società, Mati deve pensare solo a far bene dove giocherà senza star lì troppo a pensare a Primavera, U23 o prima squadra. Che cosa accadrà, lo saprà solo il futuro".

Si ringrazia Martin Guastadisegno per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.