ESCLUSIVA TJ - La storia emozionante di Mikhail e di suo nonno Victor: "Cuadrado ha realizzato il nostro sogno, vi racconto l'incontro e che cosa è accaduto" (FOTO-VIDEO)

21.10.2021 21:00 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - La storia emozionante di Mikhail e di suo nonno Victor: "Cuadrado ha realizzato il nostro sogno, vi racconto l'incontro e che cosa è accaduto" (FOTO-VIDEO)
TuttoJuve.com

Ci sono storie che devono per forza essere raccontate. Una di queste riguarda Mikhail "Michele" Gromov, tifoso juventino ed appassionato del nostro paese, che ieri è partito dalla volta di Mosca per raggiungere San Pietroburgo. Sembrerebbe un qualcosa di ordinario, in effetti, ma la scomparsa del nonno ha guidato questo giovane tifoso russo per questa impresa. Quale? Entrare nell'albergo della Juventus per provare a far firmare la maglia di Juan Cuadrado che era l'idolo del signor Victor. Da grande lettore di TuttoJuve.com, la nostra redazione ha voluto raccontare la sua storia:

E' stata una pazza giornata per te, perché sei riuscito ad incontrare Cuadrado. Come mai proprio lui?

"Il mio obiettivo era di incontrare Juan ad ogni costo, perché volevo raccontargli quanto fosse importante per mio nonno. Una volta scoperto che la Juve avrebbe giocato a San Pietroburgo in questa fase a gironi, ho subito pensato a come fare. Il giocatore colombiano era il suo idolo, per questo volevo cercare di ottenere un suo autografo sulla maglietta che custodiva gelosamente".

Ci puoi raccontare come è avvenuto l'incontro?

"Ieri, quando ho visto Juan avvicinarsi, sono rimasto senza parole. Ci siamo abbracciati, ha chiesto cosa dovesse scrivere e lo ha fatto senza problemi. 'Al caro Victor, juventino vero, da Juan', questa la sua dedica. Spero mio nonno abbia assistito da lassù, perché sarebbe stato molto felice di quanto è accaduto. Siamo riusciti a farci una chiacchierata, breve ma intensa, perché è dovuto subito scappare in palestra. Gli ho passato la lettera che avevo scritto a casa, dove ho raccontato cosa significa tutto questo per me e la mia famiglia. Forse si è commosso, mi ha commentato su Instagram ed ora mi segue. Che persona incredibile".

Sappiamo che protagonista di questa storia c'è un altro addetto ai lavori bianconero, ovvero Simone Padoin. Come è riuscito ad aiutarti?

"Sì, è vero (sorride ndr). Ho conosciuto Simone grazie agli amici de 'Gli Autogol', li devo ringraziare perché mi hanno aiutato a mettermi in contatto con lui. Mi ha scritto dove alloggiavano a San Pietroburgo, mi ha fatto entrare e subito ha avuto la premura di prendere la maglietta del nonno consegnandola direttamente a Juan nella sua stanza".

Quindi è stato davvero di grandissimo aiuto.

"Assolutamente sì, lo ringrazierò infinitamente. È interessante che su WhatsApp mi aveva scritto che i giocatori erano in bolla e per questo Cuadrado non poteva scendere. Poi, però, è tornato con lui (sorride ndr). Che goduria! Non so cosa abbia detto a Juan, però è sceso senza problemi ed era molto felice di incontrarmi".

La tua passione per la Juve è davvero molto grande. Farai ancora così tanti chilometri per andarla a rivedere?

"E' ancora più grande del grande, diciamo che non rende l'idea di quanto ami la Juventus. Per me e mio nonno è sempre stata una religione, non ci siamo mai persi un incontro della 'Vecchia Signora'. Quella con lo Zenit non è stata la prima partita, sono andato quattro volte all'Allianz (con il Cagliari nel 2015, con il Torino e con il Monaco nel 2017, con l'Atletico nel 2019), ma senza di lui perché era già troppo vecchio per fare i viaggi così lunghi".

E quindi cosa è successo?

"E' successo che ho portato lui e mia madre, anche lei di fede bianconera, per la partita con il Lokomotiv a Mosca di un paio di anni fa. Quando Douglas Costa segnò al novantesimo, beh fu incredibile. Credetemi: Victor aveva la faccia di un bambino dalla felicità. Però Juan non c'era quel giorno, fu un grande peccato. Sono pronto a seguire la Juve in ogni dove, al grido di 'ovunque noi ci saremo'".

Si ringrazia Mikhail Gromov per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.

Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.