ESCLUSIVA TJ - Fabrizio Lioi (Ag. De Winter): "Sta vivendo un sogno, in prima squadra finché Allegri lo vorrà. La Juve lo ha strappato a Liverpool e Lipsia. Sul ruolo e gli obiettivi..."

09.12.2021 15:45 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Fabrizio Lioi (Ag. De Winter): "Sta vivendo un sogno, in prima squadra finché Allegri lo vorrà. La Juve lo ha strappato a Liverpool e Lipsia. Sul ruolo e gli obiettivi..."
TuttoJuve.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, l'agente di NGA Sport che cura gli interessi del talento Koni De Winter, Fabrizio Lioi, per parlare approfonditamente dell'esordio dal primo minuto con la maglia bianconera e non solo:

Hai avuto modo di sentire il ragazzo al termine del match?

"L'ho sentito ieri sera insieme agli altri colleghi che seguono il ragazzo, era davvero molto felice. C'era ancora adrenalina in lui, ma anche tanta tranquillità visto che il resto della serata lo ha trascorso a giocare alla PlayStation. Koni sta iniziando a capire che non deve smettere di lavorare, perché la strada da seguire è questa. Sta vivendo un sogno".

Si aspettava di essere titolare?

"E' da qualche settimana che aveva la sensazione di esser considerato dal mister, per cui ha pensato di poter avere una chance. Non aveva la certezza di poterlo essere, però non è rimasto nemmeno più di tanto sorpreso". 

Come hai giudicato la sua prestazione?

"Per me ha giocato bene, ha grandissime potenzialità e a volte poteva fare un po' di più in fase offensiva. Essendo, però, la prima da titolare, non voleva sbagliare e si è limitato a fare il compito affidatogli dal mister. Lo ha ascoltato molto, visto che negli ultimi mesi lo ha sgridato centomila volte in allenamento (sorride ndr). Anche noi gli abbiamo detto di giocare semplice, era super concentrato a non sbagliarne una". 

Che cosa succederà adesso con Koni? Rimarrà aggregato alla prima squadra?

"Non lo so, finché Allegri ne avrà bisogno resterà in prima squadra. Nel momento in cui torneranno tutti a disposizione, è chiaro che andrà nuovamente ad occupare il posto da titolare in U23 con Zauli. Koni sarebbe molto felice di questo, perché desidera giocare ogni partita".

Il mister, durante la conferenza stampa, ai cronisti presenti ha detto espressamente che Koni è più un centrale che un terzino. Sei d'accordo con la sua affermazione?

"Koni è a tutti gli effetti un difensore centrale, penso lo sarà nel momento in cui avrà il posto fisso alla Juve oppure in un altro club. E' tatticamente intelligente, è bravo tecnicamente, ha corsa, per cui può ricoprire il ruolo di terzino così come ha fatto nel settore giovanile. Ieri si è disposto nei tre centrali di difesa, poi ha fatto il terzino a destra".

In tre anni di Juve, Koni ha mai raccontato qualcosa sui compagni e sulla Juventus in generale?

"Koni è un ragazzo super tranquillo, ha iniziato ad allenarsi con la prima squadra da quando giocava nell'U17. E questa non è una cosa del tutto scontata. E' stato un sogno potersi allenare con Bonucci, Chiellini e ai tempi con Barzagli, mi dice che il livello della prima squadra è davvero molto alto. Alcune volte ho sentito lodi ai suoi compagni di squadra, il più chiacchierato e apprezzato è sicuramente Dybala".

Immagino, poi, abbia parlato anche di Cristiano Ronaldo. In genere è una sorta di calamita per i più giovani.

"Ho sentito un paio di volte nominare Dybala e Pjanic, ma su Ronaldo non ha mai detto nulla. In questo è una persona molto umile e semplice, non si monta mai la testa. Per far capire come è Koni, ieri tutti sapevano che era diventato il più giovane titolare nella storia europea della Juve. Lui no, lo ha ignorato per gran parte del tempo. Poi quando è venuto a saperlo dai social, ha manifestato un entusiasmo molto contenuto. E' fatto così".

Ci puoi raccontare come è stato il trasferimento che lo ha portato dallo Zulte alla Juve?

"La Juventus lo aveva visionato in un match del Belgio U16 contro i pari età del Portogallo, da lì lo ha iniziato a seguire e successivamente si è convinta ad acquistarlo. E' stato lo scout Tognozzi, in particolare, a rimaner colpito delle sue qualità e delle sue abilità. Già in quella circostanza si intravedevano le sue potenzialità, l'idea di fargli seguire un percorso c'era anche se nessun poteva immaginare di vederlo esordire con questa maglia. Cherubini, la prima volta che lo aveva visto, disse che lo che il suo obiettivo così come il loro era di farlo arrivare in prima squadra".

Oltre alla Juventus, c'erano altre squadre che seguivano De Winter?

"Sì, in quel momento Koni era ambito da Anderlecht, Club Brugge, e tutti i più grandi club del Belgio. E non solo, perché anche il Liverpool insieme al Lipsia e al Salisburgo si erano interessati a lui".

La Juve punta davvero tanto di lui, quale è il suo obiettivo stagionale?

"Durante le feste natalizie ci vedremo e discuteremo della seconda parte di stagione. L'obiettivo in avvio di stagione era quello di esser titolare in U23 e di provare ad esordire con la prima squadra, per cui penso che occorrerà riflettere sul cosa fare nei prossimi sei mesi. Chiaramente resterà alla Juventus, non importa in quale formazione, ma il percorso continuerà in bianconero".

Si ringrazia Fabrizio Lioi per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.