ESCLUSIVA TJ - Bertozzi (ESPN) su Bremer: "Juve ha fatto bene a superare l'Inter, qui conquisterà la Seleção. Vlahović felice di non affrontarlo più. Arthur? Deve cambiare aria"

21.07.2022 14:30 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Bertozzi (ESPN) su Bremer: "Juve ha fatto bene a superare l'Inter, qui conquisterà la Seleção. Vlahović felice di non affrontarlo più. Arthur? Deve cambiare aria"
TuttoJuve.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, il collega di ESPN e molto vicino alle vicende del calcio italiano, Leonardo Bertozzi, per parlare approfonditamente del neo acquisto Gleison Bremer e non solo:

La trattativa Bremer è stata davvero "louco" (pazza). Quale è il tuo commento? La Juve ha fatto bene a superare l'Inter nella corsa al calciatore?

"La Juve ha fatto benissimo, è riuscita a cogliere l'attimo giusto per inserirsi tra l'Inter e il calciatore. Se esiste anche una minima possibilità di aggiudicarsi il più forte difensore dell'ultima stagione italiana e strapparlo ad una rivale in chiave scudetto, non si può non coglierla. Bremer è perfetto, non ci saranno dubbi sull'adattamento alla Serie A. Cosa che ha sofferto de Ligt".

In Brasile, come è considerato il neo acquisto bianconero?

"L'abbiamo visto molto poco, ha esordito cinque anni fa nei professionisti e un anno dopo fu venduto al Torino dall'Atletico Mineiro. Bravissima la squadra granata a notare le sue potenzialità. Posso dire che faceva già impressione per fisicità, mobilità e doti aeree".

Passiamo alla domanda che qualche tifoso bianconero si sta facendo nelle ultime ore: Bremer è il giusto erede di Chiellini?

"Hanno due personalità molto differenti, questo bisogna capirlo. Chiellini é stato un leader importante per la rosa, riconosciuto e rispettato per la sua grinta e l'attaccamento alla maglia, oltre ad essere sempre presente per i compagni. Bremer lo vedo un po' più timido, introverso, cosa che nulla toglie della sua importanza tecnica. Sarà certamente un punto di riferimento della squadra".

La Juventus è una squadra che difende molto bassa, mentre Bremer è abituato a contrastare l'uomo nell'uno contro uno. Per cui la Juve è la squadra giusta per lui?

"Bremer ha superato l'esame contro i più forti attaccanti della Serie A. E Vlahović sarà molto contento di non affrontarlo più come avversario (sorride ndr). Ci vorrà uno sforzo per riadattarsi alla difesa a 4, però è in possesso di tutte le qualità per riuscirci senza grandi problemi".

Ho accennato al Brasile, ora che gioca in un top club potrà guadagnare la nazionale brasiliana?

"In Brasile si fa fatica a capire come mai non abbia ancora ricevuto quest'opportunità. Eppure gioca così bene in un campionato che é sempre stato un parametro importante per i difensori. C'è un po' di paura che faccia come altri e scelga l'Italia, anche se lui dichiara di aspettare la Seleção. Penso che Tite abbia già deciso i suoi centrali per il Mondiale, però nel prossimo ciclo lo vedo come un nome sicuro".

Danilo è ormai un leader, Alex Sandro probabilmente giocherà la sua ultima stagione alla Juve e in attesa di ritrovare Kaio Jorge potrebbe andar via Arthur. Hai delle aspettative importanti nei confronti dei brasiliani della Juventus?

"Manderei Kaio in prestito quando sarà pienamente recuperato dall'infortunio. Ha bisogno di minuti per conoscere meglio il campionato italiano. Arthur dovrebbe cambiare aria, è chiaro che Allegri non lo consideri adatto al suo stile di gioco. In Brasile ci si aspettava molto, ma sembra non rispettare il livello delle aspettative delle prime uscite al Grêmio e quelle successive al Barça. Danilo é il titolare della nazionale e arriverà con molta fiducia al Mondiale, mentre Alex Sandro é a rischio".

Si ringrazia Leonardo Bertozzi per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista