INSIDE THE MARKET - MANDZUKIC, I RISCHI ED I VANTAGGI DI UN SACRIFICIO DA FARE

17.09.2019 23:15 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
INSIDE THE MARKET  - MANDZUKIC, I RISCHI ED I VANTAGGI DI UN SACRIFICIO DA FARE

Mario Mandzukic, al passato, così ne ha parlato Fabio Paratici sabato e così forse ne dovremo parlare a breve quando il croato passerà ad un'altra squadra, da capire se in questi giorni o a gennaio. Una partenza importante e dovuta, viste le esigenze societarie ma anche tecniche che non lo vedevano al centro del progetto.

SOLUZIONE IN MENO - per la Juventus una soluzione in meno, Maurizio Sarri ha deciso che il contributo aereo di Marione non è fondamentale e probabilmente questo limiterà le soluzioni tattiche che comunque vedono molta più palla a terra.

SAREBBE DA TENERE COME CAMBIO, MA... - sicuramente nella possibilità di una rosa ampia, forse infinita, Mario Mandzukic sarebbe da tenere, senza se e senza ma, ma non è possibile, perchè ci sono già troppi calciatori offensivi e non si può dare a Mandzukic lo spazio che era di Kean la scorsa stagione.

ORGOGLIO CROATO E PROBLEMA DI GESTIONE - da considerare, poi, che Mandzukic ha anche un grande orgoglio, non vorrà mai sentirsi una riserva, come è ora e se ha rifiutato tutto è perchè sperava di cambiare le sorti, cosa che non è riuscito a fare. Tenerlo infelice sarebbe un grande problema di gestione, un tema non compatibile per mantenere un clima sereno.

IL RISPARMIO - la Juventus senza Mandzukic, poi risparmierà parecchio, dieci milioni circa di ingaggio lordo per due anni e un incasso tra gli otto e dieci milioni, sono praticamente tra 25 e 30 milioni complessivi, non poco, quasi come coprire il buco attuale di bilancio, insomma, a Torino due calcoli se li sono fatti, grande perdita tecnica ma grande risparmio economico, un sacrificio da fare...

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve