John Elkann è il manager più pagato tra le società italiane quotate in Borsa nel 2021

23.05.2022 13:50 di Niccolò Anfosso   vedi letture
John Elkann è il manager più pagato tra le società italiane quotate in Borsa nel 2021
TuttoJuve.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

John Elkann è il manager più pagato tra le società italiane quotate in Borsa nel 2021. Tra stipendio, bonus e premi in azioni ha guadagnato la cifra di 35,2 milioni di euro al lordo delle tasse, più o meno lo stipendio di circa 1.200 lavoratori, se prendiamo come riferimento la busta paga media dei dipendenti italiani, secondo i dati di Ocse o Eurostat.

I guadagni ottenuti l’anno scorso dal 46enne nipote di Gianni Agnelli – come spiega l’edizione odierna del Fatto Quotidiano – si devono soprattutto alle stock option di Exor Nv, la cassaforte con sede in Olanda attraverso cui i discendenti delle famiglie torinesi Agnelli e Nasi sono azionisti di riferimento di Stellantis e controllano Cnh, Ferrari, Juventus.

Elkann, presidente e ad di Exor, ha esercitato le opzioni che gli davano diritto a comprare 450.000 azioni della società in base al piano approvato nel 2012. Piccolo particolare: il prezzo per l’acquisto era bloccato a 16,59 euro per azione, mentre il valore in Borsa ha raggiunto i 79 euro a fine 2021. La differenza ha regalato a Elkann una plusvalenza di 28 milioni.

A questo tesoro si aggiungono lo stipendio di Elkann in Exor (1,75 milioni), quello come presidente di Stellantis (860.226 euro), i premi in azioni gratuite dell’ex Fca maturate l’anno scorso (5,07 milioni) e, ciliegina sulla torta, i compensi come presidente della Ferrari e consigliere di Partner Re, 379.025 euro. Nel 2020 Elkann aveva guadagnato “solo” 3,68 milioni, mentre nel 2019 aveva raggiunto 37,7 milioni, grazie alle plusvalenze sulle stock option Exor (31,5 milioni), però non era il più pagato dell’anno: allora fu superato da Paolo Bertoluzzo, ad di Nexi, con 43,17 milioni. Questo l'articolo ripreso dai colleghi di Calcio e Finanza.