Il mental coach di Bonansea e Girelli: "Le ragazze ci regalano grandi emozioni"

19.06.2019 15:10 di Edoardo Siddi Twitter:    Vedi letture
Fonte: RBN
© foto di Imago/Image Sport
Il mental coach di Bonansea e Girelli: "Le ragazze ci regalano grandi emozioni"

Si parla ancora del Mondiale femminile in Francia. Merito delle ragazze azzurre che hanno conquistato il passaggio del turno come prime del girone. Un girone di ferro, con squadre sulla carta più attrezzate come Brasile e Australia. Il giorno dopo l’ininfluente ko con le sudamericane, Radio Bianconera ha parlato del cammino di Barbara Bonansea e compagne con Stefano Pigolotti, mental coach di fama internazionale.

Oltre al Motomondiale, in cui lavora a stretto contatto con Valentino Rossi, Pigolotti si occupa anche di alcune ragazze dell’Italia. E ieri sera era a Valenciennes per assistere dal vivo al match: “Le ragazze continuano a regalarci grandi emozioni. C’è molto entusiasmo intorno a loro, lo dimostra il fatto che anche dopo una sconfitta, tutti hanno solo parlato del passaggio del turno come prime del girone”.

Un’Italia che ha dimostrato di essere all’altezza della situazione. Questa è già la prima vittoria ottenuta dal gruppo allenato da Milena Bartolini. “La squadra ha giocato alla pari sia contro le australiane che con le brasiliane – continua Pigolotti -. Ieri avrebbero anche potuto vincere. A fine gara ho parlato con Barbara Bonansea che era rammaricata per il gol solo sfiorato, mi ha detto che se avesse calciato peggio forse avrebbe segnato”.

Se le azzurre continuano spedite nel loro cammino, il merito va non solo all’aspetto tecnico. Ma anche quello mentale, di cui proprio Pigolotti è un esperto: “Poche settimane fa, tutte le giocatrici dicevano che sarebbe stato un successo superare il primo turno, oggi l’hanno fatto da protagoniste. Questo perché hanno saputo aumentare la consapevolezza della propria forza e dell’autostima, senza cadere nell’arroganza e nella presunzione. Per questa ragione sono sicuro che non avranno ripercussioni al momento di tornare in campo per i turni a eliminazione diretta. L’entusiasmo che c’è oggi intorno al gruppo è contagioso e non può che fare bene”.

Il movimento calcistico femminile si sta ritagliando spazi sempre più importanti. Quella di martedì 18 giugno 2019 intanto resterà una data storica, con la prima gara trasmessa in diretta su Rai Uno. Una crescita esponenziale anche dovuta all’ingresso massiccio dei club professionistici, primo fra tutte proprio la Juventus. “L’arrivo dei bianconeri – conclude Pigolotti – è stato determinante. Così come quello delle altre società. Ha portato un cambio di atteggiamento di tutto il sistema, ora spero che i club abbiamo sempre più peso per far crescere ulteriormente il movimento. Magari anche con l’arrivo di giocatrici e allenatori stranieri”