Bilancio Juventus - Impatto Covid-19 sull'esercizio 2020-21

17.09.2021 15:40 di Redazione TuttoJuve Twitter:    vedi letture
Bilancio Juventus - Impatto Covid-19 sull'esercizio 2020-21
TuttoJuve.com
© foto di Image Sport

"Lo scenario nazionale e internazionale nell’esercizio 2020/2021 è stato caratterizzato dagli impatti causati dalla pandemia da Covid-19 e dalle conseguenti misure restrittive per il suo contenimento imposte dalle Autorità amministrative, sanitarie e sportive".

Lo spiega la Juventus attraverso il comunicato diffuso nel pomeriggio.

"Fatto salvo per la partita del 20 settembre 2020 (Juventus vs Sampdoria), giocata in casa con la presenza di pubblico entro il limite di mille spettatori invitati, tali misure restrittive non hanno permesso di disputare partite con presenza di pubblico (con conseguente azzeramento dei ricavi da gare) - si legge nella nota -. Inoltre, le misure di contenimento della pandemia poste in essere con il DPCM del 3 novembre 2020 (come successivamente confermate e modificate) hanno comportato, a fasi alterne, la chiusura al pubblico del J Museum e dei negozi, con conseguente impatto negativo sui ricavi da visitatori e da merchandising. Si evidenzia inoltre che l’emergenza sanitaria da Covid-19 ha comportato lo slittamento della disputa, nei mesi di luglio e agosto 2020, di alcune gare delle competizioni nazionali e internazionali della stagione 2019/2020, determinando il riconoscimento dei rispettivi ricavi da diritti televisivi nell’esercizio 2020/2021. Nel corso dell’esercizio 2020/2021 il protrarsi della pandemia da Covid-19 ha generato un rilevante impatto negativo diretto sui ricavi (principalmente da gare e da prodotti), rispetto ad un esercizio non influenzato dalla pandemia, quantificabile in circa € 70 milioni, oltre che un impatto indiretto sui proventi da gestione diritti calciatori; l’impatto sui costi non è viceversa risultato significativo, in quanto i risparmi correlati alla mancata disputa di gare sono stati in parte compensati da maggiori costi correlati alla pandemia (in primis, per la sicurezza sanitaria e i dispositivi di protezione)".