Avv. La Scala: "Dimissioni CdA un patto tra gli avvocati e la Procura. La Juve dovrà dimostrare che la gestione è cambiata"

05.12.2022 14:10 di Rosa Doro Twitter:    vedi letture
Avv. La Scala: "Dimissioni CdA un patto tra gli avvocati e la Procura. La Juve dovrà dimostrare che la gestione è cambiata"
TuttoJuve.com

Intervenuto nel corso della diretta Twitch di calciomercato.it, l’avvocato Giuseppe La Scala ha spiegato cosa rischia la Juventus per l'inchiesta Prisma: “Le dimissioni del CDA della Juventus non sono un oggetto di responsabilità, ma un patto negoziale tra gli avvocati e la Procura, perché quest’ultima smettesse di chiedere gli arresti domiciliari a mezzo mondo. Si tratta di una normale pratica giudiziaria nella quale quando la difesa prende le parti della Procura. Vicende di questo tipo hanno la funzione di tranquillizzare la Procura, quanto al fatto che le ipotesi di reato non possano essere più reiterate e che quindi venga meno un presupposto delle misure cautelari. Sono andati a casa di corsa e si sono fatti sostituire da un revisore dei bilanci e da un noto commercialista torinese. La Juve sa perfettamente che se non dimostra alla Procura che d’ora in poi la gestione è radicalmente cambiata, la situazione rischia di aggravarsi. Da sempre ritengo che queste pratiche debbano essere spazzate via con la massima durezza. Noi già più di quindici anni fa siamo finiti in un guaio con tutto il sistema per le plusvalenze gonfiate, che il mondo del calcio si è recato in ginocchio a Roma per chiedere una norma che gli consentisse di liberarsi della massa creata dagli ammortamenti delle plusvalenze fittizie. Hanno ottenuto questa normativa di vantaggio a condizione che promettessero di non farlo più, e dopo qualche anno si sono rimessi a farlo. A fronte di una recidiva simile, non invocare una severità draconiana è una follia".