Arturi: "Il modulo di Pirlo lascia perplessi, pochi tiri e tanti gol presi. E con CR7 i problemi aumenteranno"

30.10.2020 16:00 di Rosa Doro Twitter:    Vedi letture
© foto di Image Sport
Arturi: "Il modulo di Pirlo lascia perplessi, pochi tiri e tanti gol presi. E con CR7 i problemi aumenteranno"

Nel suo editoriale per La Gazzetta dello Sport, Franco Arturi ha provato a spiegare il calcio di Andrea Pirlo: "Se il 4-3-3 di Sarri (pur con uno scudetto vinto) è naufragato sia sull’età media esageratamente alta della squadra sia sulla “asimmetria” dovuta a Cristiano Ronaldo esterno che mai avrebbe svolto il lavoro di copertura di un Insigne, le posizioni sul terreno degli juventini di Pirlo lasciano perplessi: un solo terzino (Cuadrado) della linea a 4 a spingere, un ammasso di giocatori sulla fascia destra a pestarsi i piedi, i 60 milioni di euro di Chiesa abbandonati inoperosi sull’altro lato del campo, un pressing velleitario che lascia dopo un tempo sulle ginocchia la squadra, per tre volte rimasta in 10 nelle ultime 7 partite. Il tutto per pochi tiri fatti e molti presi. Serve tempo? Può darsi, ma per ora non si sono percepiti progressi. E quando rientrerà CR7, i problemi tattici aumenteranno: chi resterà fuori, un esterno, Morata o Dybala? Il calcio, compreso quello moderno, continua ad essere una cosa semplice: Cruijff, Van Basten e Messi non hanno mai fatto i terzini.