A MENTE FREDDA – Dybala-Arrivabene, così non va!

16.01.2022 18:00 di Quintiliano Giampietro   vedi letture
A MENTE FREDDA – Dybala-Arrivabene, così non va!
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Le prestazioni non sono da incorniciare sotto il profilo estetico, non è una novità. Cresce però la determinazione e soprattutto prosegue la risalita verso la zona Champions. Siamo all'ottavo risultato utile consecutivo in campionato, il cammino di gennaio finora fa registrare sette punti su 9 disponibili. Un bottino importante, considerando che prima dell'Udinese, la Juve ha affrontato Napoli e Roma, due avversarie dirette. Dopo il successo tutto sommato agevole contro l'Udinese, domenica in casa del Milan si rialza il coefficiente di difficoltà e serve una marcia diversa. Sarà importante gestire le forze in vista della sfida di Coppa Italia, mercoledì contro la Sampdoria. In questa fase un intralcio. Questo il quadro della situazione circoscritto al campo.

Fuori dal rettangolo di gioco si acuisce il caso Dybala. L'esultanza polemica dopo il gol all'Udinese (decimo stagionale, compresa la Champions), certifica lo scontro in atto con la società. Nello specifico il bersaglio è Arrivabene. L'atteggiamento del giocatore (ieri capitano) è sbagliato, ma forse umanamente comprensibile. L'ad per tre volte consecutive nel giro di pochi giorni ha punzecchiato l'argentino pubblicamente: attaccamento alla maglia, peso della numero dieci, dimostrazione di valere quanto si chiede. Il comun denominatore di questi messaggi è il rinnovo contrattuale, con la società intenzionata a rivedere al ribasso l'accordo esistente da tempo. “Non devo dimostrare niente a nessuno. Sono successe cose di cui non parlo”, i sassi lanciati dalla Joya davanti alle telecamere. Come si dice in questi casi, “i panni si lavano in famiglia”, da sempre prerogativa in casa Juve. L'incontro di febbraio metterà la parola fine a questa storia: rinnovo o addio a giugno. La squadra necessita di serenità, ogni interferenza potrebbe essere nociva. Parola d'ordine? Tregua.