Napoli-Juventus 2-1 - La goffaggine di Tek e la differenza al contrario di Kean, se ne salvano pochi questa sera

11.09.2021 20:40 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
Napoli-Juventus 2-1 - La goffaggine di Tek e la differenza al contrario di Kean, se ne salvano pochi questa sera
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

SZCZESNY 4 - La tranquilla sicurezza del primo tempo lascia spazio alla goffaggine della ripresa, in cui Tek non trattiene un tiro all'apparenza semplice di Insigne e si lascia superare da Politano. Coraggioso nell'uscita su Anguissa, un po' meno sul gol di Koulibaly dove preferisce non uscire e si trova inaspettatamente a dover gestire il retropassaggio suicida di Kean che tramortisce le definitive speranze di successo.

DE SCIGLIO 6 - Fa la sua onesta partita, più di contenimento che di spinta. Oggettivamente non gli si può dir null'altro questa sera a De Sciglio se non che la sua è una prestazione sufficiente.

BONUCCI 6 - Mezzo punto in meno del suo compagno di mille avventure, la cui concentrazione cala inesorabilmente dopo il pari del Napoli.

CHIELLINI 6.5 - La sua partita la fa: attento, preciso, ordinato. Osimhen è neutralizzato. Nelle grandi sfide è sempre una sicurezza averlo accanto, anche se questo però non basta ad evitare una rivedibile sconfitta.

PELLEGRINI 6 - Allegri alla vigilia auspicava una buona prova dal terzino che è arrivata. In fase difensiva è meno presente, ma nella spinta non ha nulla da invidiare a nessuno. E qualche buon pallone per l'attacco è anche arrivato.

Dal 57' DE LIGT 6 - Entra nel momento in cui la squadra è schiacciata e scombussolata dopo il pari avversario, a tre si preoccupa del centro-destra e non sempre è impeccabile. Ma la sua prestazione non è da insufficienza.

MCKENNIE 5 - Prova a lasciarsi alle spalle la complicata e turbolenta settimana in nazionale, ma non è mai convincente soprattutto in fase offensiva. E' poco presente e non riesce ad esser essenziale nemmeno nel recupero palla, una delle sue specialità.

Dal 72' RAMSEY 5 - Qualche lancio e qualche inserimento, molta quantità ma nella fattispecie poca qualità. Non accende la luce.

LOCATELLI 6.5 - Uno dei migliori dei suoi, il "Loca" primeggia nel reparto più discusso della squadra e fino all'ultimo prova a dare qualità alla squadra. Non dispiace nel ruolo di costruttore di gioco.

RABIOT 6 - Nella buia serata del 'Maradona', una buona notizia arriva da Rabiot. La sensazione è di un giocatore affidabile utile, come già mostrato lo scorso anno, sia in fase difensiva che in quella offensiva dove si fa notare con qualche buona proiezione.

BERNARDESCHI 4.5 - La fiducia di Allegri è mal riposta, Bernardeschi reduce da un'ottima partita con la Lituania non riesce ad incidere questa sera. Se nel primo tempo offre qualche bella giocata, nella ripresa sbaglia in occasione del primo gol e succeissivamente non riesce a caricarsi tecnicamente la squadra. E' sempre inefficace in fase offensiva. Mai dai suoi piedi, infatti, partono possibili occasioni importanti.

KULUSEVSKI 5.5 - Molto fumantino, soprattutto ad inizio match. Con la sua velocità prova a mettere in crisi la retroguardia avversaria che riuscirà a prendergli le contromisure. Gli si imputa la mancanza di raccordo, non riesce infatti ad essere il collante per costruire al meglio le azioni della propria squadra. Forse, davvero, non poteva far più di così.

MORATA 6.5 - Ruba palla a Manolas e la insacca alle spalle di Ospina, è l'unica azione degna di nota di Morata che si sbatte parecchio ma non la prende quasi mai. Anche perché il pallino del gioco è in mano agli avversari e la Juve non è mai convincente in fase di ripartenza, anche se qualche buona giocata la costruisce. 

Dall'81' KEAN 4.5 - C'è parecchia sfortuna, gli va riconosciuta, ma la differenza la fa al contrario. Il suo tocco di testa mette fuori causa Szczesny e completa la frittata di una serata che sembrava nata sotto i migliori auspici. C'è l'occasione di riscattarsi, certo, ma questa sera è totalmente negativa.