Torchia a TMW Radio: "Il rinnovo di Dybala è una questione tecnica, Allegri ha detto a Rugani che è una risorsa"

19.01.2022 20:40 di Martino Cozzi   vedi letture
Torchia a TMW Radio: "Il rinnovo di Dybala è una questione tecnica, Allegri ha detto a Rugani che è una risorsa"
TuttoJuve.com
© foto di Daniele Andronico


L'agente di Rugani, Davide Torchia, è intervenuto ai microfoni di TMW Radio nel corso della trasmissione Stadio Aperto. Oltre che del suo assistito, Torchia ha anche parlato della situazione legata alla rinnovo di Paulo Dybala: "Tornando indietro, con i vari slittamenti, sembra esserci dell'attrito che però non credo ci sia. Tornare indietro non è mai bellissimo ma la situazione per me non può essere economica: quanto può risparmiare, ipotizzando, rispetto a quanto si erano detti? Il risparmio non sarebbe grandissimo. La questione è tecnica: o crederanno fermamente in lui, e sposa il progetto, o la scelta sarà diversa. Poi c'è una questione di linea, se tutti prendono 20% in meno anche il campione".

Crede davvero ci sia l'Inter dietro?
"Ne parlano tutti perché è una conseguenza logica. Oggi uno come Dybala, per questioni economiche e di quanto possa servire, possono prenderlo soltanto l'Inter e la Roma".

Perché Rugani è così divisivo?
"Per farla breve, nello scacchiere di un club come la Juventus tutti i pezzi sono importanti. Quando c'è da fare il pedone uno lo fa, altrimenti è torre. Per giocare alla Juve e starci parecchi anni devi avere delle caratteristiche. Importanti. Che per me sono la qualità, il sacrificio e il senso d'appartenenza. Nel sacrificio c'è anche quello di rinunciare a qualcosa di personale per essere a servizio del club e del bene collettivo".

Mi sembra ci sia lo zampino di Allegri.
"Lo scorso anno chi c'era ha fatto una scelta diversa, Allegri invece dall'inizio no. I grandi enigmi sul mancato mercato e sulla valutazione eccessiva o lo stipendio troppo alto, non erano veri. Ad agosto Allegri ha detto che Rugani era una risorsa e non un problema. Quando poi c'è stato il momento, ognuno ha fatto la sua parte".