Coronavirus: Premier League come mondiale club, gare a luglio

30.03.2020 11:30 di Giuseppe Giannone   Vedi letture
Fonte: ANSA
foto ANSA
foto ANSA

(ANSA) - LONDRA, 30 MAR - La Premier League potrebbe trasformarsi in un mondiale per club, con le 20 squadre isolate in ritiro per sei settimane, e partite disputate a porte chiuse, ogni tre giorni tra giugno e luglio, in un numero limitato di stadi. E' questa l'ultima proposta delle società inglesi per portare a termine l'attuale stagione, che non ricomincerà - secondo le ultime disposizioni della Federcalcio inglese - prima del 30 aprile. L'idea - ripresa dal quotidiano Independent - è di confinare le squadre, organizzando lunghi ritiri in resort isolati. Dai quali giocatori, staff tecnico e dirigenti uscirebbero solo in occasione delle partite, così da minimizzare i rischio di contagi. Non solo la Federcalcio, ma anche club e giocatori vogliono concludere la stagione - giocando se necessario anche in luglio - per minimizzare l'impatto economico negativo. Tutti i 92 incontri, che ancora restano da giocare, verrebbero trasmessi in televisione, probabilmente in chiaro: una decisione che avrebbe registrato il consenso del governo, soprattutto qualora il lockdown dovessero essere prolungate per diversi mesi. Le stesse misure restrittive - nel piano della Premier - verrebbero estese anche ad arbitri, cameraman e operatori televisivi, ovvero a tutte le persone coinvolte nell'organizzazione delle singole partite, dopo essere state testate al coronavirus. Se la proposta della Premier sembra raccogliere sempre più consensi restano perplessità di ordine morale, dal momento che il calcio non è certo - meno che mai in questi tempi - "un'attività essenziale". E come fa notare qualcuno, se un giocatore subisse un grave infortunio, graverebbe sul sistema sanitario, occupando medici e infermieri proprio nel mezzo di un'emergenza sanitaria di livello nazionale. (ANSA).