esclusiva tj

Dr. Lopes (fisioterapista Kaio Jorge): "Al top della condizione, vi racconto come ha superato l'infortunio. Juve? Il suo desiderio è quello di tornare"

24.01.2024 11:30 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Dr. Lopes (fisioterapista Kaio Jorge): "Al top della condizione, vi racconto come ha superato l'infortunio. Juve? Il suo desiderio è quello di tornare"
© foto di Amil Henrique Lópes

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, il fisioterapista che lavora nello staff personale di Kaio Jorge (che oggi compie 22 anni), il dottor Amil Henrique Lopes, per avere la sua opinione sulle condizioni di salute del talento brasiliano e non solo:

Sul terreno di gioco sta dimostrando di essere al top. Chiediamo un parere più specifico: come sta Kaio Jorge?

"Kaio è davvero in ottime condizioni. I problemi fisici non sono mai stati più un reale problema, col mio aiuto ha svolto un ottimo pre-campionato in Brasile e insieme alla Juventus sono stati effettuati tutti i controlli e le informazioni sugli allenamenti sono state condivise. È stato fatto tutto progressivamente e gli obiettivi sono stati totalmente raggiunti. In altre parole, la forma fisica non è il problema. I suoi movimenti sono nettamente migliorati, ci ha messo un po' ma è normale riprendersi pian piano dall'infortunio. Ora sono tutti puliti al 100%".

Che vita conduce da atleta?

"Kaio è un professionista esemplare per la sua età. L'atleta, infatti, dal punto di vista nutrizionale, regola una perfetta idratazione e ore di sonno di qualità. Questo ha reso molto più semplice il discorso sulla condizione e le sue prestazioni sono migliorate di giorno in giorno. In Brasile, come dicevo, abbiamo fatto un pre-campionato top, compreso l'allenamento sulla sabbia. E quando siamo arrivati ​​alla Juventus, lui era già pronto per iniziare la stagione dopo questo grave infortunio".

E sotto l'aspetto mentale?

"Oltre alla sua eccellente condizione fisica, Kaio è sempre stato attento al punto di vista mentale. Io stesso immaginavo che sarebbe stato sopraffatto dall'infortunio, ma lui è rimasto fermo e ho sempre cercato di rassicurarlo su quello che sta facendo e su quello che è in grado di ottenere. Quindi sì, è molto preparato mentalmente per raggiungere tanti obiettivi davanti a sé".

Come sta vivendo il prestito dal Frosinone? Ha avuto problemi ad ambientarsi in un club diverso dalla Juve?

"La Juventus è un club fantastico, con una struttura che non ha bisogno di commenti. Uno dei migliori al mondo, mi ricorda la struttura CBF della squadra brasiliana di cui facevo parte. All'inizio, quando ovviamente è arrivato, ci è voluto un po' finché non si è adattato al nuovo stile di allenamento, ai carichi e al campo. Ho fatto tutti i controlli e lo sto aiutando sempre, questo ha alleviato tutte le differenze che possono esistere. Abbiamo anche una nostra struttura di attrezzature che utilizziamo sempre prima e dopo gli allenamenti e le partite".

Come è stato tornare a Torino?

"Ritornare a Torino è sempre un buon momento. Tra qualche settimana sarà ancora allo "Stadium", in genere le partite contro la Juventus sono sempre sinonimo di grandi partite di calcio. Sarà un'opportunità per mettere in mostra tutto il suo talento".

Kaio lo rivedremo con indosso la maglia numero 21 della Juventus?

"Questo è un botta e risposta che dovremo porci a fine stagione, ma sono sicuro che il suo desiderio sia quello di indossare nuovamente la sua maglia della Juventus. Sarà sempre onorato. Se indosserà la 21, non lo so (ride ndr)".

Si ringrazia il dottor Amil Henrique Lopes per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.