TASTIERA VELENOSA - CONTE GIOCATORE E' UNA COSA, CONTE ALLENATORE UN'ALTRA!

31.05.2019 23:35 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
TASTIERA VELENOSA - CONTE GIOCATORE E' UNA COSA, CONTE ALLENATORE UN'ALTRA!

Togliere la stella ad Antonio Conte? E perchè mai? Antonio Conte da giocatore e capitano della Juventus ha dato tutto, sempre, è stato un esempio in campo, ce lo ricordiamo ancora segnare all'Olympiacos con il naso rotto e correre per festeggiare, o i tanti gol da protagonista e mentre zittisce l'Old Trafford per quella rete in Champions. 

Il Conte giocatore è stato Juventino e come tale va valutato, come la squadra di suo papà, la Juventina e come tale la stella è pienamente meritata e non va tolta.

Conte è stato un capitano esemplare in campo e allenatore condottiero fuori, in tanti lo avrebbero voluto ancora a lungo in quella panchina, se gli avessimo dato per quei titoli una stella, la seconda, come allenatore, in quel caso, dopo quello che sta succedendo a Milano, gli andrebbe tolta perchè questo passaggio è una forte mancanza di rispetto, ma limitatamente al ruolo di allenatore.

Se sei juventino dentro, anche se professionista ci sono certe piazze in cui non puoi andare, se ti interessa il rispetto dei tifosi bianconeri, perchè passare la barricata è lecito da professionista, ma non da tifoso, Abbiamo sempre considerato Conte un professionista ma anche un allenatore tifoso, uno di quelli che erano in prima fila nelle barricate e che sentivano la partita come non mai. Ora come vivrà lui la partita da avversario, se ci dovessero essere episodi arbitrali negativi un giorno cosa dirà, che la Juve ruba come sostengono certi tifosi?

Insomma, il ruolo è molto delicato, ci permetterà di scrivere molto e ne parleremo durante la stagione, molteplici gli spunti, ma se la domanda è togliere la stella da calciatore perchè va a fare l'allenatore altrove, la risposta è no, quella se l'è guadagnata.

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per essere sempre aggiornato su tuttojuve e sulle ultime news bianconere e di mercato