L'IMBOSCATA - Milik sedotto (da Sarri) e abbandonato (da Pirlo). Il Maestro presenta la sua tesi, ma non rivela tutto. Ronaldo-Dzeko nuova coppia-gol. E Dybala? Ecco dove dovrebbe giocare. Le prossime mosse di Paratici (nel mirino dei detrattori)

18.09.2020 00:15 di Andrea Bosco   Vedi letture
L'IMBOSCATA - Milik sedotto (da Sarri) e abbandonato (da Pirlo). Il Maestro presenta la sua tesi, ma non rivela tutto. Ronaldo-Dzeko nuova coppia-gol. E Dybala? Ecco dove dovrebbe giocare. Le prossime mosse di Paratici (nel mirino dei detrattori)

Certo che ad Arkadiusz Milik la “Principessa sul pisello“ fa un “baffo“. Il bomber polacco del Napoli  da settimane “sta valutando“, ma “è restio“, è “deluso perché la Juve dopo averlo lusingato, lo ha tradito“ , ha fatto “una timida apertura alla Roma” , il suo agente “ha ricevuto a Trigoria la proposta dei giallorossi e la “presenterà“ . Ha un gran mal di testa Arkadiusz: ma pare che la cosa sia in “dirittura“. Emicrania a sproposito: Roma è una piazza che vale quella di Napoli. Paratici lo aveva trattato quando sulla panca della Juventus c'era Maurizio Sarri, che lo voleva. Ora sulla panca della Juventus c'è Andrea Pirlo che di centravanti ne vuole uno diverso da Milik. Qui si apre la “questione“ . Dzeko o Suarez? Perché Suarez il benedetto esame che avvierà l'iter per la concessione del passaporto italiano, lo ha superato. Poi che lo ottenga o meno in tempo utile (entro il 6 di ottobre, quando le società dovranno consegnare le liste Champions ) è altro paio di maniche. Fuori da denti: la Juventus potrebbe anche prendere Suarez. Ma a me pare che la soluzione Dzeko sia la migliore. Suarez è più forte di Dzeko, ma il bosniaco sembra più consono alle necessità della Juventus: per il costo, ma soprattutto per le caratteristiche tecniche. Visto che là davanti Pirlo dovrà far convivere Ronaldo, Dybala e probabilmente anche Kulusevski. Il problema sarà: che zona di campo con Ronaldo (e probabilmente Dzeko) potrà calcare  Dybala? Mia suggestione: vertice alto del centrocampo dietro a Ronaldo e probabilmente a Dzeko. Con due mediani che facciano legna davanti alla difesa. Il “calcio di Pirlo“ espresso nella tesi (107 il punteggio: chissà cosa non ha convinto Ulivieri per negare il 110 e la lode) ha rivelato linee guida ma non come giocherà la Juventus. Giustamente: perché dalla teoria alla pratica c'è di mezzo il mare. E se cerchi di attraversarlo (il mare) come fanno certi talebani, provvisti del solo salvagente, finisce che affondi. Ti serve una nave: una canoa non basta.  Una tantum ti può bastare la zattera Tiki. Ma se riesci a sfangarla un bis, con la zattera, è sconsigliabile . 

Quesito esistenziale (non del sottoscritto): sarà Pirlo all'altezza del suo compito visto che non ha mai allenato? Sarà che io la penso come l'avvocato Agnelli: gli allenatori contano poco. Contano i campioni. Certo, un Pirlo nella Juventus non c'è più. Ma ci sono Ronaldo, Dybala, Bonucci, Chiellini, de Ligt, Cuadrado e tanti altri. Pirlo sapeva far correre il pallone. Questo chiederà ai suoi giocatori. Magari di affrontare gli avversari cercando di divertirsi. Come nell'ultima stagione non accadeva .  

 “Vista“ Sampdoria non ci sono certezze. Pare che mancando una punta giocherà in coppia con Ronaldo, lo svedese Kulusevski.  Mentre Ramsey, da interno che occupa la parte sinistra potrebbe fare il terzo d'attacco. Centrocampo da inventare con Arthur apparso in ritardo nella sgambata contro il Novara. Considerato che la Samp è la squadra più alta del campionato con molti giocatori sul 1.90. io giocherei a tre in difesa mettendo Demiral accanto a Bonucci e Chiellini. Giusto per proteggermi sulle palle inattive (storica pecca della Juve). Ci metto la firma: ci sarà Cuadrado. Sul mercato è De Sciglio (evidentemente il giovane Pellegrini ha convinto Pirlo) al momento in stand by, perché alla Roma c'è chi fa le bizze e non vuole “uscire“ .

Proprio come Khedira, arrivato ormai ai saluti, ma che pretende fino all'ultimo “ghello” prima di svuotare l' armadietto.  Troverà, Paratici, una sistemazione per Nicolussi Caviglia e per Pjaca. Mentre da quanto ha sibilato  Raiola ai cronisti, pare possibile che Kean possa tornare sotto alla Mole. Auspicabile non sprechi la fiche: lo spieghi Mino all'effervescente Moises. Ne va anche del suo futuro in Nazionale.

Altro? Due cose. C'è una corrente giornalistica, benché filo-juventina, che reputa deleteria la presenza di Paratici alla Juve. E non solo per aver a suo tempo caldeggiato ed imposto Sarri. Gli viene imputato di non “saper vendere“. E di comprare “troppi parametri zero“ . Poi c'è la corrente dei tifosi in premature gramaglie, insoddisfatti del mercato. Dimentichi dei danni economici prodotti dal Covid (stadio deserto) e dal cammino  targato Sarri. Lo scudetto vinto quasi “malgrado“ non ha portato risorse . Solo il nono scudetto di fila. Gran cosa, probabilmente non eguagliabile, in Italia. Ma questo non basta alla corrente tifosa  che “forse Sarri aveva ragione quando ipotizzava tra il lusco e il brusco che i dirigenti della Juventus fossero dei dilettanti“ .   Calma e gesso. Nove scudetti di fila. Quando Sky  lo manda in onda, il remix dura mezza giornata. 

Per far terminare questa tirannia (imbarazzante per il “movimento“ ), gli ascari di Gravina asfissiano mane e sera con l'ideona play off. Per “movimentare“ la “contendibilità“. A nessuno che venga in mente che la contendibilità si “movimenta“ investendo, migliorando le strutture, la rosa, la qualità dei giocatori . Non la migliori, in modo magliaro, facendo un falò delle regole, magari a campionato in corso. Nessuno ha imparato la lezione dell'Atalanta.  A nessuno che venga in mente che dieci anni fa i “ tiranni “ per due volte di fila erano arrivati settimi. E che nel 2006 sempre i “tiranni“ era stati scaraventati  in serie B (con penalizzazione, prima partita di campionato a Rimini) per i loro peccati. Mentre altri (i peccati)  avevano potuto smacchiarli presso indulgenti confessionali. Fino a quando non verrà ammesso che la “tirannia“ è la diretta conseguenza di quelle Ave Marie graziosamente concesse come penitenza , la  “tirannia“ potrebbe continuare. John (come lo chiama con confidenza Pirlo)  ha chiesto “il decimo“. Alla  Juventus certe richieste suonano come ordini. Anche se hai la consuetudine di giocare a golf con il presidente e  con l'azionista di maggioranza. Anche se giochi (a golf) meglio di loro .