SOTTOBOSCO - Il velato messaggio dello Stadium a Donnarumma. Attenzione ai calendari. Rabiot mette in difficoltà Allegri. Kaio Jorge e la "rete" sbagliata. Ragazze da 30 e lode, ma non (ancora) professioniste

Andrea Bosco ha lavorato al “Guerin Sportivo“, alla “Gazzetta dello Sport“, al “Corriere d'Informazione”, ai Periodici Rizzoli, al “Giornale“, alla Rai e al Corriere della Sera.
11.10.2021 00:46 di Andrea Bosco   vedi letture
SOTTOBOSCO - Il velato messaggio dello Stadium a Donnarumma. Attenzione ai calendari. Rabiot mette in difficoltà Allegri. Kaio Jorge e la "rete" sbagliata. Ragazze da 30 e lode, ma non (ancora) professioniste
© foto di Andrea Bosco

L'Italia che batte all'Allianz il Belgio nella “finalina“ per il terzo-quarto posto della Confederation come si chiama,  fa felice i tifosi, fa felice Mancini, fa felice Gravina: l'onore  dei  campioni d' Europa è salvo e il ranking viene incrementato. Mi hanno spiegato che il ranking serve ad ottenere migliori posizioni (come teste di serie) nelle manifestazioni internazionali.  Applausi di Torino a Gigio Donnarumma, basilare contro Witsel e soci. Neppure un velato messaggio, rispetto ai fischi del Meazza: se venivi alla Juve saresti stato accolto a braccia aperte. Almeno: a me è sembrata una cosa del genere. Ora si può tornare al campionato: Sperando che al prossimo giro sia data (da parte di Federazione, Fifa e Uefa) maggiore attenzione ai calendari. Per ora la fregatura (dei rientri a ridosso delle gare) è toccata (e tocca) ad alcuni. Quando a gennaio scatterà la Coppa d'Africa toccherà ad altri.

Neppure una parola sul mercato. Una su Dazn sulla quale sta “grandinando“. Sabato chi avesse voluto farsi un'idea delle condizioni di Arthur o avere cognizione su quelle di Kaio Jorge è rimasto deluso. Hanno “pigiato“ un tasto sbagliato e invece di Alessandria – Juventus è apparso il volto professionale e  rassicurante di Barbara Palombelli con il suo “Forum“.  Quindi: tanto tuonò che piovve. Se sarà un temporale passeggero o un monsone, vedremo. Per ora si può affermare  che lo streaming di Dazn ha difficoltà a  “fluire“ .

Visto che Rabiot è un no vax (o comunque uno che, come altri nella nazionale francese, non si fida dei vaccini)  si è beccato il covid. Resterà  in isolamento per dieci giorni  e quindi salterà la gara contro al Roma. Auguri di pronta guarigione, ma disappunto per il suo “orientamento“ sanitario. Visto che  il materiale a disposizione di Allegri è quello che è, si può ipotizzare contro i capitolini una Juve che a centrocampo schieri Bentancur, Locatelli e forse il texano. A meno che Allegri non decida per Ramsey. Che con la sua nazionale ha pure segnato ma che ha avuto una uscita  contro la società che lo stipendia, decisamente non accettabile. Tant' è: di necessità, virtù. Arthur in campo dall'inizio sarebbe un rischio. Per lui e per la Juve. Quindi scelte obbligate. In attacco se tornerà Dybala, la Juve  acquisirà maggior  potenziale offensivo. Altrimenti per continuare nella striscia positiva, indispensabile per cercare di scalare posizioni in classifica, Madama dovrà acconciarsi con una gara stile Chelsea: concentrazione, intensità, rabbia agonistica . Segnare un gol nella porta dei prodi di Mourinho e non subirne. Altre strade non ci sono.

Intanto la Juve femminile ha conseguito un “trenta“ (e lode). Trenta vittorie consecutive e primato (condiviso con il Sassuolo) in classifica. Montemurro, contro il Napoli, ha dosato le forze (fuori Bonansea e Girelli) in vista della delicata gara contro il Chelsea.  Una gentile ascoltatrice su Rbn mi ha “bacchettato“ per aver io espresso “dubbi“ ( dopo la ripassata presa dalle ragazze in amichevole mesi fa contro il Barcellona)  su Montemurro. Una volta, ad inizio stagione: con tanti successivi elogi. Ma va bene, egualmente: segno che il calcio femminile è sempre più seguito e questa è un'ottima cosa. Sperando arrivi presto, per le signorine, il professionismo: promesso ma ancora, in Italia, latitante. Una cosa, ancora. Ovviamente è un mio pensiero:  Cernoia è strepitosa.