PIRLO SPIEGA I MOTIVI MA NON BASTA...

18.01.2021 09:00 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
PIRLO SPIEGA I MOTIVI MA NON BASTA...
© foto di www.imagephotoagency.it

Andrea Pirlo ha perso la sua Juve, forse non l'ha ancora trovata, sicuramente la serata di San Siro è una di quelle serate da incubo che fanno molto male.

il tecnico bianconero vede nero da subito: "abbiamo sbagliato l'atteggiamento fin dall'inizio. Quando in queste partite non hai la rabbia e la determinazione per cercare di vincere i duelli, poi diventa difficile. Invece non siamo scesi in campo, siamo stati troppo passivi e quando non sei aggressivo e non hai questa rabbia poi vai incontro a queste partite. Cii siamo abbassati, siamo stati timorosi, avevamo paura del gioco d'attacco dell'Inter, quindi nella testa abbiamo pensato solamente a fare la fase difensiva, neanche troppo aggressiva e avevamo poi poco spazio per avere in mano la partita. Quando non hai in mano la partita e dai il campo a loro per il contropiede poi diventano devastanti".

Pirlo è arrabbiato, esattamente come i tifosi che sapevano che sarebbe stata dura, ma non si aspettavano una squadra così dimessa: "è una brutta sconfitta, non ce l'aspettavamo, non potevamo fare una partita peggiore di questa, però adesso dobbiamo rialzare la testa perchè mercoledì ci giochiamo una finale. In queste partite devi mettere la stessa voglia e la stessa rabbia degli altri per poter essere sullo stesso livello, poi le qualità dei singoli vengono a parte. La foga agonistica in queste partite va messa alla pari, non l'abbiamo messa fin dall'inizio e poi il risultato è questo.mUn atteggiamento così però non può capitare a una squadra come la Juventus che deve venire qui con una certa ambizione, quella di proporre il nostro gioco, invece siamo stati troppo timorosi, troppo in balia delle loro giocate, abbiamo pensato poco a fare le nostre".

PIRLO ONESTO MA NON BASTA - Pirlo è onesto e si prende le sue responsabilità, consapevole che gli errori sono anche suoi e che tra i tifosi emerge il primo forte malcontento per una sconfitta che poteva capitare ma non in questo modo:"Sbaglia in primis sempre l'allenatore perchè è lui che dà le indicazioni, quindi mi prendo le mie responsabilità, perchè se la squadra non ha fatto quello che abbiamo provato vuol dire che non avevano capito bene quello che dovevamo fare e avevamo impostato. Avevamo preparato una buona fase difensiva, poi invece dopo un quarto d'ora ci siamo fatti sorprendere perchè siamo stati disordinati, non abbiamos eguito gli inserimenti e quindi poi diventa più difficile la partita".

Ora bisognerà ritrovarsi e farlo in fretta, mercoledì arriva la Supercoppa e bisognerà dimostrare di essere tornati ed aver dimenticato San siro. 

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve