PIRLO CONOSCE LA TATTICA DI CONTE, MA LUI NON SI NASCONDE

17.01.2021 09:30 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
PIRLO CONOSCE LA TATTICA DI CONTE, MA LUI NON SI NASCONDE
TuttoJuve.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Andrea Pirlo a stretto giro andrà per la seconda volta a San siro dopo la gara contro il Milan. Anche questa volta ci saranno assenti importanti, come con il Milan, ma questa volta all'Inter a differenza del Milan non mancherà nessuno, quindi i nerazzurri avranno una grossa fortuna.

Pirlo conosce molto bene Antonio Conte e sa come il suo ex allenatore caricherà la squadra: "Mi aspetto un'Inter inizialmente aggressiva che vorrà dare ritmo a questa gara, però noi ci siamo preparati anche per questo non dovremo aver paura di andare a San Siro e fare la partita, perché siamo la Juventus quindi è giusto in una gara così importante a dare impronta a quello che stiamo preparando e che abbiamo fatto in questi giorni. Sarà una partita tattica, ma liberi di testa e voler andare a giocare la nostra partita a San Siro. Noi andremo a San Siro per cercare di vincere la partita. Come ho detto l'altra volta è una partita importante, ma non fondamentale per la corsa al campionato, quindi dobbiamo giocarcela a viso aperto con le nostre carte sapendo della forza dell'Inter, perché è una grande squadra e l'ha dimostrato sia l'anno scorso che quest'anno con l'arrivo di mister Conte. Non dovremo aver paura e andremo a giocare la nostra partita per provare a portare a casa i tre punti. Noi abbiamo cercato di mettere giocatori anche per il futuro, mentre loro hanno preso giocatori per il presente e quindi abbiamo due filosofie diverse. Sono due squadre che lotteranno fino alla fine e domani non è fondamentale ma importante".

FIDUCIA IN CHIELLINI - mancherà De Ligt, ma Pirlo ha fiducia negli uomini, primo tra tutti, Chiellini: "Chiellini sta bene fortunatamente dopo la partita non ha avuto nessun problema, quindi è pronto ed è carico e ha voglia di giocare questa grande sfida. Noi siamo finalmente contenti di aver Giorgio a pieno servizio, perché è un valore aggiunto per la nostra squadra. Per noi De Ligt è un giocatore importante, ma ricordiamoci che abbiamo campioni come Bonucci, Chiellini, Demiral e Danilo, quindi alle assenze mettiamo in campo giocatori di grande spessore e grandi campioni che sono a questo livello da tanti anni. Avremmo fatto a meno di questa assenza, però non abbiamo paura anzi ci sentiamo ancora più forti con il rientro di Chiellini e Bonucci"

CONFRONTO CON CONTE - la sfida con Conte è interessante, il suo ex allenatore che l'ha anche ispirato nel voler diventare mister. Pirlo conosce bene Conte: "Abbiamo due caratteri diversi e forse è anche per quello che andiamo d'accordo sia da allenatore che da calciatore. Ci siamo sentiti ad inizio campionato dopo che avevo fatto la prima partita, da lì abbiamo intrapreso due percorsi diversi e quindi anche a forza di giocare non abbiamo avuto di vederci e sentirci, ma rimane grande stima e affetto, perché è un'allenatore che mi ha dato tanto e ha fatto la storia della Juventus".

Pirlo conosce molto bene la tattica di Conte e la sua voglia di mettere la pressione agli avversari per toglierla dalla propria squadra: "A lui piace questo, però lo conosco bene cerca di togliere la pressione sui suoi per metterla noi, ma noi non abbiamo problemi, siamo la Juventus e vinciamo da nove anni ed è normale avere la pressione più degli altri. Loro sono stati costruiti per cercare di vincere e domani sarà una partita tra due grandi squadre che hanno le stesse ambizioni".

Insomma, Pirlo rimanda al mittente le pressioni e la tattica di Conte, ma allo stesso tempo accetta le responsabilità, del resto non avrebbe accettato di diventare allenatore della Juventus se non fosse stato pronto al rischio,. La gara di domani lo vede sfavorito forse ma lui non demorde e dopo il Milan sogna una nuova impresa, del resto quelli che non vincono da tanto e sono costretti a farlo sono altri.

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve