LA RABBIA DELL'INGIUSTIZIA

26.02.2020 06:45 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
LA RABBIA DELL'INGIUSTIZIA

La Juventus è arrabbiata, o meglio, i tifosi della Juventus sono arrabbiati e tanto. Vietare la partita dell'anno, a chi ha speso centinaia di euro, senza dar loro la libertà se andare o no all'evento è una decisione draconiana e impopolare. I tifosi pagano colpe non loro, delle istituzioni che non sono stati capaci di seguire l'esempio di altri dove fino ad ora l'emergenza non è scoppiata.

Francamente da cittadino leggere che la Francia blocchi le frontiere e sentirsi presi in giro da Tedeschi, inglesi, etc, è imbarazzante, questo perchè non sono state prese delle misure necessarie per tempo o perchè ora se ne stanno prendendo di troppo stringenti.

Giusto non sottovalutare il problema, sbagliato mettere dei vincoli che possono danneggiare l'immagine del paese e rendere l'economia che già è in difficoltà ancora più debole.

Forse qualcuno non lo capisce ma l'immagine di Juventus-Inter a porte aperte era un esempio di come si combatte la paura, di come il paese va avanti e non si ferma di fronte ai problemi anche grandi. La sensazione che abbiamo è che sia un'occasione persa.

JUVE ARRABBIATA- già da oggi, ci aspettiamo una Juventus arabbiata, che metterà sul campo la voglia di un paese che non si ferma davanti ai problemi, ma soprattutto contro l'Inter, la rabbia per l'ingiustizia di chi viene penalizzato perchè giocare senza pubblico è un danno di dimensione enorme sia di immagine che a livello sportivo.

Lo Stadium è il dodicesimo uomo, toglierlo alla Juventus avvantaggia solo l'Inter e questo non è corretto.

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve