GASPERINI A RAISPORT: "E' stato un bel test contro la squadra più forte di tutte. La Coppa Italia è squilibrata, va rivista la formula"

Parla il tecnico nerazzurro.
 di Alessandro Vignati  articolo letto 10374 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
GASPERINI A RAISPORT: "E' stato un bel test contro la squadra più forte di tutte. La Coppa Italia è squilibrata, va rivista la formula"

Intervistato nel post partita di Raisport, l'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini ha commentato la prova della sua squadra negli ottavi di finale di Tim Cup appena sostenuti in casa della Juventus. Eliminazione dopo una gara combattuta: "Il secondo tempo è stato importante, giocare a questi livelli contro la Juventus, che è la più forte di tutte, è importante. Anche il primo tempo era andato benino, ma il gol di Dybala ci ha un po' condizionato. Siamo stati concreti nella ripresa, nel primo tempo meno, arrivavamo sulla trequarti ma sbagliavamo. E' stato comunque un bel test. La foruma della Coppa Italia non la amo, fatta meglio si potrebbe avere più sorprese. Così è dura competere, le più forti hanno un netto vantaggio già dall'inizio... Mercato? Le dinamiche sono imprevedibili, la volontà del presidente era di non cedere, però le offerte sono quelle. Un giocatore non deve essere mezza squadra, e stasera l'abbiamo visto. Però le spoporzioni economiche sono troppo evidenti. Sono soddisfatto della prestazione di questa sera, una gara importante. Rispetto un mese fa in campionato abbiamo giocato con altro piglio e sicurezza, nonostante lo svantaggio di risultato. A Bergamo sto ottenendo gratificazioni notevoli, non vincerai il campionato, ma risultati del genere fanno piacere. Cambi? Ho fatto delle prove. Nel girone d'andata abbiamo trovato buoni equilibri, anche a seconda delle avversarie. Ceduto Gagliardini e senza Kessiè serve a centrocampo equilibrio. Grassi ha bisogno di giocare, anche Konko in mediana può funzionare. E' andata bene, abbiamo un po' di soluzioni. Dobbiamo approfittare di queste gare anche per sperimentare nuove idee. Questa sera ha segnato Latte Lath, abbiamo un vivaio importante. Quando sono arrivato ho visto ragazzi poco utilizzati, questo è il momento migliore per esprimerci, però non ho avuto solo giovani in carriera ma anche elementi importanti. Dipende molto anche dalla piazza, per Bergamo questo è il profilo migliore. Lazio? La classifica ci sorride, e dopo un girone ha un suo significato. Non sarà facile ripetersi, ma al di la di questo conta la crescita. Un mese e mezzo fa con la Juve non mostrammo questo piglio e questa sicurezza, queste cose contano e questo è il mio obiettivo primario. Tra nove o dieci partite vedremo se potremo puntare anche all'Europa. Stasera ci abbiamo provato, ma questa formula della Coppa Italia penalizza club come i nostri in questa fase. E' una competizione assurda, squilibrata, favorisce pesantemente le squadre più importanti che le porta in fondo con poche partite in casa. A Bergamo magari, poi, passava comunque la Juve... I complimenti? Posso dire che non è come vincere il campionato, ma una grandissima soddisfazione. Sentire appassionati di calcio gradire il nostro gioco è un vanto e una soddisfazione".