Hyyrynen a JTV: "Con l'Inter mi aspetto una gara difficile, che onore le 100 presenze in bianconero"

26.01.2022 21:00 di Martino Cozzi   vedi letture
Hyyrynen a JTV: "Con l'Inter mi aspetto una gara difficile, che onore le 100 presenze in bianconero"
TuttoJuve.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Tuija Hyyrynen ha rilasciato un'intervista ai microfoni di Juventus Tv. Queste le sue parole. 

La gara con la Fiorentina: "E' stata molto difficile per noi. Non abbiamo giocato come volevamo ma partite come questa ci danno l'opportunità di analizzare e migliorare il nostro gioco. Abbiamo parlato e ora è arrivato il momento di trovare la mentalità giusta e lavorare di più".

Su Montemurro: "Ha portato nuove energie e nuove idee. Il suo gioco è molto offensivo e molto divertente. Con lui sento che abbiamo molta fiducia e siamo molto unite. Mi piace moltissimo lavorare con lui".  

La prossima gara sarà con l'Inter, quali saranno le difficoltà maggiori di questo incontro? "E' una squadra molto forte, quindi mi aspetto una partita difficile. E' importante lavorare da squadra e penso che con la mentalità giusta e il duro lavoro riusciremo a vincere questa partita". 

Ritroverai Rita Guarino da avversaria, che effetto fa? "Dopo quattro anni insieme, è un po' strano vederla con un altra squadra, ma le cose cambiano. Ora siamo avversarie in campo. Sarà una bella sfida e vogliamo fare il nostro meglio". 

Le cento presenze con la Juventus Women: "E' un onore. Giocare 100 partite con la squadra bianconera è stato un sogno, sono molto felice. Ora la maglia celebrativa è a casa mia e voglio troverle un posto speciale".

La gara di Champions con il Servette: "Dopo questa partita eravamo tutte felici raggiungendo i quarti di finale di Champions League. Sono stata fortunata a celebrare la centesima partita in questo modo. Le mie compagne sono state tutte fantistiche e ho ricevuto qualche messaggio dai tifosi". 

Quinto anno con la Juve, ti saresti immaginata che avresti vissuto tutto questo? "Quando sono arrivata a Torino ero molto nerovosa. Tutto era nuovo per me: la lingua, la cultura e la squadra. Fin dall'inizio abbiamo avuto grandi sogni e obiettivi alti ma non potevo immaginare qualcosa di così bello e grande". 

C'è una partita che ricordi con maggior affetto? "Durante il secondo anno abbiamo giocato la prima partita all'Allianz Stadium. Trentanovemila tifosi e vittoria con la Fiorentina per 1-0. E' una serata che non dimenticherò mai. Forse una partita più speciale è stata la centesima con la Juve".