Undici metri - Juve, porta blindata con una difesa super. Incognita a destra. Pogba lontano. Possibile ciliegina in attacco

Brian Liotti è una delle voci più popolari e apprezzate del panorama radiofonico nazionale, giornalista nonché appassionato ed esperto di calcio.
13.07.2019 08:48 di Brian Liotti   Vedi letture
Undici metri - Juve, porta blindata con una difesa super. Incognita a destra. Pogba lontano. Possibile ciliegina in attacco

La Juve da pochi giorni ha cominciato la stagione agli ordini di mister Sarri e del suo team. Le prime sensazioni sono molto positive, c’è entusiasmo e curiosità di scoprire i metodi “sarriani”. E’ chiaro che a mercato aperto ci sono tanti giocatori che potrebbero (dovrebbero) lasciare la truppa e qualcuno che potrebbe aggregarsi. Queste sono le ore caldissime per la definizione dell’affare De Ligt (ormai bianconero), il giovane fenomenale difensore diventerà una colonna dei bianconeri. Con De Ligt la Juve non solo blinda la difesa ma si assicura un fuoriclasse che potrà solo crescere. Certo che lì dietro con Chiellini, Bonucci, Demiral (mi piace tantissimo), Rugani e appunto De Ligt credo che si possano dormire sogni tranquilli.
Dopo il ritorno di Buffon e la (scontata) conferma di Szczęsny si cerca una sistemazione per Perin, lui probabilmente preferirebbe restare in Italia, vedremo cosa accadrà.
La vera incognita è sull’out destro: tutto ruota intorno al nome di Cancelo. Fino a qualche settimana fa sembrava ad un passo dal City che però non ha affondato il colpo e ha proposto come parziale contropartita Danilo (che non interessa). La Juve intende solo monetizzare e non scenderà sotto i 55-60 milioni. Per questo si è rifatto sotto il Barcellona, la situazione è in evoluzione. Se andrà via Cancelo si dovrà intervenire sulla fascia destra anche perché la soluzione Cuadrado può essere interessante ma rappresenta pur sempre un adattamento, sempre che il colombiano resti bianconero.
non credo che Darmian sia il sostituto designato di Cancelo così come mi sembra improbabile il ritorno di Dani Alves (che secondo alcuni si sarebbe proposto anche ai bianconeri). A centrocampo con gli innesti di Ramsey e Rabiot c’è sovraffollamento uno o due giocatori potrebbero salutare (Khedira e Matuidi gli indiziati).
Pogba purtroppo lo inserisco nella categorie “suggestioni”, il francese consta un Perù e dopo l’investimento per De Ligt è impensabile che la Juve possa imbarcarsi in una trattativa così onerosa e pesante a meno che non si riesca a cedere qualcuno oppure ad inserire qualche contropartita gradita allo United.

Davanti bisogna capire quello che sarà il futuro di Kean. Si fa un gran parlare di Icardi. L’argentino piace molto a Sarri che lo avrebbe voluto anche a Napoli qualche anno fa, se tra qualche settimana le condizioni lo dovessero permettere potrebbe essere lui la ciliegina sulla torta della Juve.
Intanto è ritornato a Torino Cr7, sarà interessante capire che feeling scatterà con il mister. La Juve “sarriana” comincia a prendere forma ma credo che ci vorrà un po’ di tempo per assimilare i nuovi metodi, i nuovi schemi e la nuova “filosofia”. Le prime partite ufficiali saranno a parer mio importantissime. Sarri ha un compito bellissimo ma anche molto complicato, continuare a vincere migliorando la qualità del gioco, se dovesse riuscirci entrerà nell’Olimpo. Intanto alla Continassa si suda e si prepara una stagione che si annuncia entusiasmante aspettando il prossimo tassello da inserire nel mosaico bianconero che ha i capelli biondi, viene dall’Olanda e di professione fa il difensore: De Ligt. Ad oggi è lui il vero colpaccio di questo calciomercato. E non finisce qui ….