Undici metri - A Napoli una Juventus sempre più "europea". Paratici prepara colpi per giugno, ma Emre Can può riaprire il mercato in entrata già a gennaio

Brian Liotti è una delle voci più popolari e apprezzate del panorama radiofonico nazionale, giornalista nonché appassionato ed esperto di calcio.

25.01.2020 18:01 di Brian Liotti   Vedi letture
Undici metri - A Napoli una Juventus sempre più "europea". Paratici prepara colpi per giugno, ma Emre Can può riaprire il mercato in entrata già a gennaio

La Juve Domenica sera affronta il Napoli al San Paolo, sarà un partita durissima. Non inganni il momento negativo degli uomini di Gattuso. Gli azzurri vorranno offrire una prova di orgoglio e di forza e prendere i 3 punti contro la squadra dei due ex illustri Higuain e soprattutto Sarri.

Proprio per il mister sarà una partita dalle emozioni forti, Sarri deve moltissimo al Napoli e ai suoi anni azzurri. Lì ha sfiorato uno scudetto e costruito una squadra che giocava a memoria e in modo paradisiaco, lì lo hanno amato alla follia e ha lasciato ricordi e amici. E lì si è fatto conoscere, merito dell’intuizione di De Laurentiis che seppe scommettere su un “maestro di calcio”, uno che per la prima volta si affacciava ai grandi palcoscenici. Sono curioso di vedere come Sarri verrà accolto da un San Paolo che in passato non ha risparmiato il Pipita quando arrivò a giocare a Napoli la sua prima gara da ex. Vedremo.

Messi da parte i sentimenti e la nostalgia sarà una partita che vedrà la Juve schierarsi presumibilmente con il 4-3-1-2. Con tutta probabilità sarà Ramsey ad agire dietro le punte che saranno Cr7 (in forma smagliante) e Dybala, con Higuain pronto a dare il suo contributo, così come Douglas Costa. A centrocampo Pjanic e Bentancur sono sicuri con loro uno tra Matuidi e Rabiot. Dietro le scelte sembrano quasi obbligate con De Ligt e Bonucci centrali e Alex Sandro e Cuadrado sugli esterni.    

I bianconeri arrivano a Napoli in un momento positivO e con la consapevolezza della bontà del lavoro svolto sin qui, la mano di Sarri comincia a farsi vedere. I bianconeri stanno diventando una squadra “europea”, che cerca di dominare la partita. C’è la volontà di velocizzare la manovra, di pressare alto e comandare la gara. Il Napoli dovrebbe schierarsi con un 4-3-3 e potrebbe essere confermato il nuovo acquisto Demme in mezzo al campo, probabile poi il tridente Milik, Insigne e Callejon. Mi aspetto una gara combattuta e fatta di grande agonismo e intensità. 

Dopo aver riconquistato il primo posto e portato a 4 i punti di vantaggio sull’Inter la Juve cerca conferme e continuità. La gara di Napoli arriva nel momento giusto e ci dirà a che punto del percorso bianconero siamo. Intanto sono gli ultimi frenetici giorni del mercato di Gennaio.  Proseguono le trattative, le indiscrezioni e le ipotesi. Chi non è stata a guardare in questa finestra di mercato è l’Inter che si è rinforzata in modo concreto. Dopo aver preso Young e Moses (che già ha lavorato al Chelsea con Conte), si sta chiudendo la trattativa Eriksen. Personalmente stravedo per il centrocampista danese, a parer mio è un fuoriclasse, giocatore di una tecnica e di una intelligenza tattica incredibile. Sarebbe un grandissimo colpo.   
Conte ha avuto i rinforzi giusti e adesso anche i nerazzurri sembrano attrezzati oltre che sul piano qualitativo anche su quello numerico per giocarsela fino in fondo in Campionato.


La Juve come prevedibile farà poco o nulla, Paratici si sta muovendo soprattutto per giugno, ma i colpi di scena sono sempre dietro l’angolo. Sono convinto che possa esserci qualche sorpresa. Bisogna tenere d’occhio soprattutto la situazione di Emre Can (c’è il Borussia Dortund che preme). Sono convinto che se Can dovesse partire la Juve qualcosina farà.

Fermo restando che le grandi manovre sono per giugno. Qualcuno auspica un intervento sulle fasce (soprattutto dopo l’ennesimo infortunio, quello di Danilo). Non so onestamente se Paratici ha preventivato qualcosa, di certo con due giocatori indisponibili (e comunque non in perfette condizioni) su 4 e con tre competizioni da giocare potrebbe essere un rischio restare così. Poi però occorre pensare una cosa.

A gennaio difficilmente si muovono grandi nomi e occorre agire con cautela. Si attende il rientro di Chiellini e si spera che almeno De Sciglio possa rientrare a breve. Paratici e Nedved intanto tessono la tela per giugno.

Dopo aver preso Kulusevski (per giugno) Paratici ha messo nel mirino Sandro Tonali. Sarebbe un colpo incredibile, ma non solo: piacciono Allan, Emerson Palmieri e Meunier.  

In questi giorni poi ha parlato Mino Raiola, uno che quando fa interviste, dice sempre cose interessanti. Ha parlato di Pogba, probabile che in Estate lasci lo United.

La Juve è in corsa ma a condizioni ben precise. Certo a parer mio è impensabile che i bianconeri riprendano un giocatore ceduto qualche anno fa a 120 milioni, pagando di più. Vedremo se si potranno creare le condizioni giuste per una trattativa (magari con l’inserimento di qualche contropartita gradita agli inglesi).


Tra qualche giorno comunque a mercato di Gennaio finito, si tornerà a far parlare solo il campo. Si avvicina la fase calda della stagione, Sarri e i suoi sono in rampa di lancio. Cr7 e Dybala sono in forma Champions, la squadra comincia a girare e tutto è possibile. Fino alla fine.