TASTIERA VELENOSA - SUPERLEGA, LA FIDUCIA DEI LEGALI, QUALCHE VOCE STA CAMBIANDO...BANDIERA BIANCA UEFA!

29.09.2021 00:04 di Massimo Pavan Twitter:    vedi letture
TASTIERA VELENOSA - SUPERLEGA, LA FIDUCIA DEI LEGALI, QUALCHE VOCE STA CAMBIANDO...BANDIERA BIANCA UEFA!

L'idea di Superlega non si ferma, anzi avanza. Ieri, la testata, Off The Pitch, ha spiegato come i legali che curano la causa contro la UEFA promossa da A22, con l'appoggio di Barcellona, ​​Real Madrid e Juventus, sostengono che le basi per una positiva conclusione ci sono tutte.

L’avvocato Jean-Louis Dupont dello studio legale spagnolo Roca Junyent, che insieme a Martin Hissel di Elegis e Clifford Chance Madrid, rappresenta A22 ha detto: "Emettere un’ingiunzione così rapidamente normalmente significa che il giudice ritiene che il merito della causa sia buono e che la probabilità di un danno irreparabile a breve termine sia alta. Sembrava essere allarmato dalle minacce pubbliche fatte da Ceferin e da altri dirigenti UEFA. I giudici sono normalmente piuttosto attenti con le ingiunzioni, specialmente in casi di alto profilo come questo, poiché non vogliono commettere errori. Le questioni sollevate alla Corte di Giustizia europea dalla Corte spagnola non riguardano la Superlega, ma piuttosto la posizione monopolistica della UEFA. È possibile per la UEFA, un’associazione svizzera privata, operare come unico regolatore per il 100% delle competizioni internazionali? È legale ai sensi del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea? È molto probabile che le risposte a tutte le domande siano sì o no, non ci sarà un “forse”.

L'altro avvocato, Hissel ha detto che la Superlefa: "Non è mai stato un campionato separatista come descritto dai media. I club sono costantemente minacciati e temono il monopolio UEFA. La realtà è che non c’è guerra civile. Molti club in Europa sono contenti del fatto che questi tre club siano la voce delle loro frustrazioni e abbiano la forza di combattere il caso fino alla sua conclusione nonostante gli atti, le minacce e gli insulti della UEFA".

Insomma, la battaglia è viva al 100% e una competizione non gestita più in modo assolutista dall'Uefa ma in collaborazione con i club potrebbe presto sorgere.

Sarebbe una grossa sorpresa, ma non totale del resto alcune opinioni stanno cambiando.

La Juventus forse sta pagando questo isolamento, ma alla fine potrebbe esserci una svolta clamorosa ed ancora una volta i bianconeri potrebbero essere pionieri di un'innovazione decisiva del mondo del calcio.

IL VENTO CAMBIA-  Sulla Superlega, il presidente della Lega Dal Pino ha detto: “Sono rimaste tre squadre con un pensiero che le unisce per trovare meccanismi di stabilità finanziaria. Bisogna prendere quello che è successo come un malessere che evidenzia che qualcosa non va: bisogna ascoltarlo e costruire qualcosa a livello Uefa per far sì che le squadre trovino percorsi che diano stabilità. Non tutto va valutato come negativo".

Lo stesso presidente Gravina pochi giorni fa sulle Superlega ha detto: “È ammissibile, non ci sono dubbi, ma bisogna capire se è compatibile con gli altri campionati. Bisogna fare una scelta, o l’uno o l’altro, non si possono giocare in contemporanea due campionati europei o addirittura una nuova competizione”. 

Lo stesso fenomeno, Ronaldo ha spiegato: "Non è una cattiva idea. I tifosi vogliono vedere le partite più importanti. Gli amanti del calcio come noi vogliono vedere il Real Madrid giocare contro Milan, Inter, City e PSG. Vogliamo vedere queste partite senza dover aspettare un quarto o una semifinale di Champions. Oggi i tifosi sono molto impegnati. Abbiamo assistito a proteste in Inghilterra, forse perché l'idea non è stata spiegata bene o è stata concepita in modo sbagliato. Penso che ci sia il progetto abbia del potenziale e che nel prossimo futuro ci saranno novità per club e tifosi. Bisogna migliorare il nostro prodotto".

Intanto la Uefa alza bandiera bianca.

La vicenda Superlega si arricchisce di un altro importante capitolo: la Uefa alza bandiera bianca e ritira i procedimenti - peraltro già sospesi - contro Barcellona, Juventus e Real Madrid. Lo ha annunciato lo stesso governo del calcio europeo in una nota: "A seguito della sospensione dei procedimenti nei confronti di FC Barcelona, Juventus FC e Real Madrid CF, nella vicenda relativa a una potenziale violazione del quadro normativo UEFA in relazione alla cosiddetta ‘Super League’, la Corte d’Appello UEFA ha dichiarato oggi nullo il procedimento e nullo, come se il procedimento non fosse mai stato aperto", si legge nel comunicato della Uefa.

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve