SOTTOBOSCO - Arriverà e non sarà un Godot: la Juventus prende il migliore al mondo. Ancora tanto lavoro per Paratici tra possibili colpi e cessioni. Il futuro di Mario. Borsa, conti, strutture e tifosi: situazione rosea. Tutti con Sinisa

Andrea Bosco ha lavorato al “Guerin Sportivo“, alla “Gazzetta dello Sport“, al “Corriere d'Informazione”, ai Periodici Rizzoli, al “Giornale“, alla Rai e al Corriere della Sera.
14.07.2019 00:26 di Andrea Bosco   Vedi letture
SOTTOBOSCO - Arriverà e non sarà un Godot: la Juventus prende il migliore al mondo.  Ancora tanto lavoro per Paratici tra possibili colpi e cessioni. Il futuro di Mario. Borsa, conti, strutture e tifosi: situazione rosea. Tutti con Sinisa

Quello che è certo è che arriverà. E che non sarà un Godot.

Arriverà presto. Per 70 milioni e circa 5 di bonus. La cifra che l'Ajax pretendeva. La medesima  spuntata dal Barcellona per De Jong.

Gli olandesi sono abili mercanti. Ma conoscono il valore dei preziosi, visto che dal loro porto, cantato da Jacques Brel  transitano i migliori diamanti del mondo. De Ligt è una pietra purissima, priva di imperfezioni. E' una “bestia“ di un metro e novanta che sa  correre con la palla come un centrocampista. Che sa difendere e sa impostare. Che sa “lanciare“ profondo anche a grande distanza. Che sa fare gol. E' un grande giocatore. Probabilmente il forte al mondo nel suo ruolo.

I bravi giocatori li paghi. La Juventus, mettendo sotto contratto de Ligt ringiovanisce una difesa chilometrata e si assicura il futuro. Un grande colpo. Paragonabile (forse persino di più) a quello che un anno fa portò Ronaldo a Torino.

Perché Ronaldo la destinazione se  l'è scelta. Ma De Ligt lo voleva mezza Europa. Lo ha preso la Juventus, facendo un grande investimento. Su un giovane “vecchio“ che si muove con la misura e la sicurezza di un veterano . Uno che Cristiano Ronaldo ha “chiamato“ a Torino: un grande riconoscimento. Torino: dove “ Tuttosport “ gli aveva consegnato il “Golden Boy“ .

Ha dovuto arrendersi il Barcellona. Al pari del Psg, del Bayern, del City, del Liverpool. Paratici ha piazzato il colpo dell'anno. Probabilmente il colpo del decennio.

Alla concorrenza resta solo l'invidia.

E' giovane. Il campionato italiano è diverso da quello olandese. Ha difetti da limare. In Champions ha commesso alcuni errori. Koulibaly è più forte. Costa troppo. Prende uno stipendio esagerato. Creerà problemi nello spogliatoio. La commissione a Raiola è troppo alta. La sua presenza penalizzerà Bonucci e mortificherà Rugani. Mai visto spendere tanti soldi per un difensore.

Ne sentirete altre.

Intanto, forse anche per effetto di De Ligt la Juventus ha spedito il suo titolo in Borsa (dato di venerdì scorso in chiusura ) a 1.585 per una azione. Con un incremento del 2,54 % negli ultimi tre giorni di contrattazioni a Piazza Affari. Considerato che l'annata per Madama, è stata (in Borsa) trionfale. Che il fatturato si stima sforerà abbondantemente i 500 milioni di euro, che da metà agosto l'Hotel J sarà aperto anche ai tifosi di passaggio a Torino, che gli abbonamenti hanno visto la riconferma del 95% degli abbonati, la situazione per Juventus si prospetta rosea. Il debito è sostenibile e Ronaldo (dopo un solo anno) si è dimostrato un affarone.

Ora servirà vendere. Un certo numero di giocatori in esubero. Un portiere. Un esterno, almeno. Uno, forse due, centrocampisti. Un paio di attaccanti . Pare che il Genoa sia molto interessato a Pjaca. La società di Preziosi sarebbe una bella piazza, per rigenerarsi,  per lo sfortunato talento croato .

In linea di massima il mercato della Juventus, in entrata, con l'arrivo di De Ligt potrebbe essere concluso. Ma, indubbiamente Paratici sarà molto attento a monitorare le varie situazioni legate a Chiesa, Zaniolo, Icardi. E fino a quando non sarà scritta la parola fine, alla situazione di Pogba .

Che dovrebbe andare al Real Madrid, se lo United vorrà cederlo. Se: perché le ultime danno uno United, deliberatamente provocatorio. Che adesso, dopo le esplicite dichiarazioni di Raiola, chiede per la cessione del Polpo, addirittura 200 milioni.

Come io la pensi su Icardi è noto: mi piace il giocatore .

 Fossi Paratici farei una offerta  (al ribasso, molto al ribasso) all'Inter nell'ultima settimana di mercato.

Ma, ragionevolmente , non accadrà.  Se Icardi arriverà, vestirà la maglia della Juventus, ipotizzo entro i primi giorni di agosto. Con una mediazione: tra le richieste dell'Inter e l'offerta della Juve. Magari in prestito con obbligo. Tipo la formula che l'Inter ha recapitato allo United per Lukaku. Un pagherò a due/ tre anni .

Nel frattempo, comunque, chiederei a Sarri di far giocare Dybala centravanti in coppia con Ronaldo.  E pur mettendo sul mercato Higuain (e magari Kean, ma solo ottenendo la recompra del talentino) ci penserei non una ma mille volte prima di privarmi di Mandzukic. Per un semplice motivo: uno come Mario Mandzukic non esiste. 

In chiusura un grande in bocca al lupo a Sinisa. E' un avversario complicato quello che si appresta ad affrontare. Ma Sinisa è un combattente .

 “Vincerò, io“ ha detto il serbo. I messaggi di solidarietà si stanno susseguendo. L'Italia sta facendo il tifo per lui. Sinisa lo merita.