LA LANTERNA VERDE - RICORDANDO L’INTERVISTA A BENTANCUR… CANCELO, INCUBO NERAZZURRO!

06.12.2018 00:05 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:   articolo letto 12501 volte
LA LANTERNA VERDE - RICORDANDO L’INTERVISTA A BENTANCUR… CANCELO, INCUBO NERAZZURRO!

Circa un anno fa, ho avuto il privilegio di intervistare, in esclusiva per Calcio2000, Rodrigo Bentancur. In queste settimane, il giovane centrocampista bianconera si è preso la scena. Tutti, ma proprio tutti, hanno scoperto le incredibili doti di questo ragazzo che mastica calcio sin da quando era bambino. Da promessa è diventato, complice una serie di partite da protagonista assoluto (con anche due gol all’attivo), una certezza del centrocampo bianconero, sia per l’immediato che, ancor di più, per il futuro. Devo ammettere che me l’aspettavo. Sono sempre più rare le interviste che mi sorprendono, bene quella con Rodrigo mi aveva decisamente intrigato. Uno che, alla domanda: “Come è stato il tuo primo giorno in bianconero?”, risponde così: “Sono arrivato in hotel e mi ricordo che sono andato a comprarmi una camicia per essere pronto per la mia prima giornata da bianconero. Quando arrivi qui, capisci subito che sei in un grande club”. C’è chi si atteggia a nuovo gallo del pollaio e c’è chi, come Rodrigo, ha l’umiltà e l’intelligenza di chiedere permesso… Ecco, Rodrigo è entrato nella Juventus in punta di piedi e, giorno dopo giorno, si è conquistato la fiducia e il rispetto di giocatori e allenatore. Pochi grilli per la testa. Un altro passaggio cruciale dell’intervista per comprenderlo meglio… Il primo obiettivo è vincere tutto quello che si può con la Juventus. Voglio provare a vincere Champions League, Scudetto e Coppa Italia. E questo lo pensava già la scorsa stagione… E, pure fuori dal campo, niente sfilate di moda o serate in disco: “Quando torno a casa, dopo gli allenamenti, solitamente dormo, perché sono stanchissimo... Ho anche uno zio che è una sorta di personal trainer con cui lavoro a livello fisico. Non amo particolarmente cinema o videogames, preferisco farmi qualche passeggiata con la mia ragazza”. Onestamente, difficile trovare una tale professionalità a soli 21 anni… Allegri lo sta aiutando a comprendere quanto sia forte e quali siano i suoi margini di miglioramento. E c’è pure un’interessante riflessione economica. Arrivato alla Juventus grazie anche a Tevez (nell’affare con l’Apache, c’era la garanzia dell’opzione su Rodrigo), è costato, a grandi linee, circa 15 milioni di euro (il Milan ha tentato, inutilmente, di portarselo a Milanello). Bene, quanto vale oggi Rodrigo? Difficile pensare ad una quotazione inferiore ai 50 milioni di euro… Ovviamente sono solo calcoli matematici perché Bentancur è il presente e il futuro della Juventus (lo era già un anno fa)…
Impossibile non soffermarsi sul Derby d’Italia. Sarà un venerdì sera speciale. A Milano si festeggia Sant’Ambrogio. Ci sono fiere ovunque in città ma, alla sera, tutti saranno mentalmente presi dalla supersfida Juventus-Inter. I bianconeri sanno che, battendo anche la squadra di Spalletti, azzererebbero le residue speranze di riaprire il campionato degli stessi nerazzurri e, soprattutto, ricorderebbero al Napoli che, per tenere il passo di questa Vecchia Signora, bisogna essere dei marziani. L’Inter, sbancando l’Allianz Stadium, confermerebbe di essere un top team e si preparerebbe al meglio alla decisiva sfida di Champions League con il PSV. Insomma, pareggiare non sembra un’opzione. Uomo partita? Sarebbe facile citare qualche attaccante ma penso al buon Cancelo. L’Inter non ha potuto riscattarlo (paletti Fair Play finanziario) ma non ha potuto impedire di vederlo vestire il bianconero. Venerdì sera, il buon Spalletti (uno che l’ha sempre stimato molto) se lo ritroverà contro. Il rischio che possa essere il man of the match pare alto… Cancelo primo marcatore del match è dato, da Betpoint.it, a 14.25… Diciamo che i tifosi nerazzurri hanno un problema in più a cui pensare per la serata di venerdì sera, sempre che non si preferisca andare al mercatino degli Oh bej Oh bej…