LA LANTERNA VERDE- Rialzare la testa! Dybala non è un brocco… Allegri? Troppe critiche!

18.04.2019 18:05 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    Vedi letture
LA LANTERNA VERDE- Rialzare la testa! Dybala non è un brocco… Allegri? Troppe critiche!

La mazzata è stata dolorosa, quasi mortale… Il popolo juventino, con il portafortuna CR7 nel taschino, ci credeva, così come ci credevano tutti i giocatori in campo. Invece l’Ajax ha confermato di essere una splendida creatura in stile Milo Manara, ossia sensuale e terribilmente fatale. La Juventus, ancora una volta, deve leccarsi le ferite europee e consolarsi con le gioie italiane. Chiaro, oggi più che mai, lo Scudetto sembra una medicina dal sapore nauseante, tipo gli sciroppi per la tosse degli anni ’80 (altro che fragola, sapevano di pesticida). Ma, signori, non è così… Lo Scudetto (l’ottavo di fila) va festeggiato come merita. Sminuirne il valore significa perdere il contatto con la realtà. Ci sono squadre italiane più che blasonate che, da anni, sognano il tricolore. Lo festeggerebbero per settimane intere. Invece, per tanti bianconeri, sembra un fastidio. Non va bene… Ciò che serve è restare al fianco della squadra, credere nel progetto e ricordare che, qualche anno fa, c’era ben poco da festeggiare… La Champions League resta il grande sogno, non c’è dubbio a riguardo ma non può diventare l’unico sogno. Il rischio è di farla diventare un’ossessione, una malattia, un tormento… Mi torna in mente il personaggio di Alex Forrest (Attrazione Fatale) e la sua ossessione per Dan (Michael Douglas). Bene, per chi non avesse visto il film, finisce con Alex morta…
Il popolo bianconero deve, immediatamente, rialzare la testa! La gioia dei gufi è la conferma che, per gli altri, il massimo della goduria resta vedere la Vecchia Signora fallire… Liberi di farlo, ognuno si diverte come vuole… Tuttavia, essere un uomo di fede bianconera significa anche saper reagire alle mazzate e complimentarsi con chi ha dimostrato di essere più forte di te. Come ha fatto il presidente Agnelli…
Ho letto di tutto sulla riconferma di Allegri. In tanti hanno criticato, pesantemente, la decisione di proseguire con Max. E’ stato indicato come il colpevole del fallimento bianconero in Champions League… Serve Klopp (non ha mai vinto la Champions), Mourinho (esonerato dallo United, gioco pari allo zero) o Guardiola (un altro che sta faticando enormemente per imporsi al City). Signori, non esiste l’allenatore che può garantire la vittoria della Champions League, magari pure con un gioco scintillante e superando gli avversari con 2/3 gol di scarto… Allegri ha dimostrato di saper vincere in Italia e di lottare con i più forti in Champions League. Non mi sembra poco, no? Io sono felice che possa continuare la sua avventura in bianconero. Dalle grandi delusioni, si impara molto. Allegri ha subito una dura lezione dai lanceri, ne farà tesoro… Diamogli fiducia, se l’è meritata con tanti, davvero tanti, trofei vinti… E non era scontato che li vincesse, come si va dicendo in giro…
Chiudo con Dybala. Ho sofferto nel vederlo abbandonare il campo a fine primo tempo… Poteva (e doveva) essere la sua serata. Con quella fascia da capitano al braccio, avrebbe potuto dare un significato diverso alla sua complicatissima stagione. La dea bendata ha guardato altrove e, oggi più che mai, tutti sperano che faccia le valigie e se ne vada altrove. Andiamoci piano. Dybala non è diventato, in pochi mesi, un brocco… Parliamo di un fuoriclasse, meglio ricordarselo! Indubbiamente, con l’arrivo di CR7, il suo squilibrio tattico è stato evidente. Personalmente, prima di lasciarlo partire, ci penserei non mille ma un milione di volte… Chiaramente, per la prossima stagione, va trovata una soluzione tattica che non lo penalizzi. Si sente a suo agio vicino alla porta, altrove fatica e si deprime. Un altro compito per Allegri, forse il più rognoso… Il morale è a terra ma bisogna rialzare immediatamente la testa. La Juventus non si trastulla nel dolore…