LA LANTERNA VERDE - Rabiot, arrivederci e grazie! Pjanic, piano con i giudizi…

14.05.2020 00:05 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    Vedi letture
LA LANTERNA VERDE - Rabiot, arrivederci e grazie! Pjanic, piano con i giudizi…

L’argomento principe continua ad essere la ripresa o meno del campionato. Preferisco non esprimermi per non diventare incredibilmente offensivo nei confronti di certi luminari… Per fortuna, ci sono altri “temi caldi” da trattare con i guanti (battuta orribile, lo so). In particolare, attenzione ad un paio di possibili casi spinosi. Il primo riguarda Adrien Rabiot. Personalmente non ho mai avuto un grande feeling con l’ex PSG. Non mi ha mai convinto pienamente, neppure quando giocava in Ligue 1, torneo di Serie B. Il centrocampista francese ha un contratto garantito con la Vecchia Signora sino al giugno del 2024 e, meglio ricordarlo, guadagna sette milioni di euro a stagione (che potrebbe salire grazie a bonus e premi). Al suo arrivo, è stato dipinto come “un giocatore moderno, con piedi buoni e grandi abilità tecniche e tattiche”. A distanza di mesi, Rabiot ha convinto pochissimo. Tante prove incolori e solo qualche sprazzo di classe. Il vero Rabiot non si è mai palesato o, forse, il vero Rabiot è proprio quello visto in campo, ossia un giocatore normale. Come se non bastasse, la sensazione è che il ragazzo sia molto condizionato dal pensiero di mamma Veronique. Nessuna polemica sulla decisione di tornare a Torino più tardi rispetto ai compagni (non c’era una richiesta ufficiale da parte del club) ma c’è tanto altro in ballo. Rabiot non pare essersi integrato alla perfezione nel DNA bianconero. Sarri ha ribadito, più volte, di credere nelle qualità del ragazzo. Eppure, con il passare dei giorni, prende sempre più corpo l’ipotesi di un suo addio a fine stagione… Gli estimatori non mancherebbero. In Premier League ci sarebbe un certo Ancelotti che lo vorrebbe all’Everton e attenzione anche al Manchester United, alle prese con una rivoluzione totale (se dovesse partire Pogba, Rabiot potrebbe essere una buona alternativa a livello mediatico). Trattenerlo o lasciarlo andare? Personalmente non avrei dubbi. Arrivato a parametro zero, garantirebbe una plusvalenza importante. Inoltre, per quello che si è visto in campo, non sarà impossibile trovare un sostituto con magari caratteristiche diverse (Arthur?). Insomma: arrivederci e grazie!
Si vocifera molto anche di un possibile addio di Pjanic. Il bosniaco è passato, nel giro di pochi mesi, da perno insostituibile del centrocampo bianconero a semplice merce di scambio. No, non ci sto… Il Pjanic visto nell’ultimo periodo è stato, obiettivamente, inguardabile ma resta un giocatore di classe sopraffina. Quando gioca al suo meglio, è ancora uno dei migliori centrocampisti in circolazione. Prima di lasciarlo andare, ci penserei non una, non dieci ma almeno 100 volte. Il rischio di vederlo fare la differenza con la maglia di un altro club è forte. Ritengo che possa dare ancora tanto alla Juventus. Va solo “tutelato” e messo nelle migliori condizioni per rendere come ha fatto in passato. Certo, comprendo chi vedrebbe bene Jorginho al posto di Pjanic. Il brasiliano, naturalizzato italiano, è un pupillo di Sarri ma, andiamo piano con i giudizi negativi su Pjanic. Oltre a ricamare il gioco con eleganza, Pjanic è anche uno dei migliori nel calciare le punizioni. Io me lo terrei stretto… Ora torno ad incazzarmi sul fronte ripresa o meno del campionato…