LA LANTERNA VERDE - Dybala deve confermarsi, Kaio Jorge dimenticato e Cuadrado va ricompensato…

20.01.2022 00:05 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    vedi letture
LA LANTERNA VERDE  - Dybala deve confermarsi, Kaio Jorge dimenticato e Cuadrado va ricompensato…

Eravamo in pochi intimi a vedere Juventus-Sampdoria. Freddo pungente (tutto sommato accettabile) e una partita, per fortuna, senza colpi di scena. Neppure al gol di Conti c’è mai stata la sensazione di un risultato diverso. Una buona Juventus, trascinata dai soliti noti, in particolare da Dybala e Cuadrado. Ecco i temi dell’editoriale… Partiamo dalla Joya. Dopo la non esultanza dopo il gol con l’Udinese, questa volta l’argentino ha gioito in maniera convinta, ricambiato dal pubblico presente (5000 anime ma molto calorose). Non ha fissato nessuno in tribuna ma si è divertito. Nel finale ha anche “regalato” il rigore a Morata per permettere allo sfortunato spagnolo di tornare a casa con una rete in più nel suo tabellino personale. Decisivo, felice e generoso, esattamente quello che si aspettano Arrivabene e tutti gli altri dirigenti dal loro numero 10. Tutto risolto? A febbraio firma sul contratto e Dybala bianconero a vita? No, assolutamente no… Dybala ha intrapreso il giusto sentiero. Si sta, per usare le parole dell’ad Arrivabene, “… prendendo la squadra sulle spalle” e sta dimostrando che, quando sta bene fisicamente, è in grado di fare la differenza. E’ arrivato a 11 gol stagionali (con anche quattro assist), ora è atteso da altri appuntamenti importanti, a partire dal confronto con il Milan. Deve riconfermarsi a certi livelli, per il suo bene e per quello della Juventus. Se Dybala porta la Juventus in Champions League, chiaro che la società sarà ben più propensa a fare dei sacrifici. Comunque (lo ripeto come fosse un mantra), di giocatori come Dybala io ne ho visti pochi nella mia lunga carriera e, ve lo assicuro, ho visto dal vivo migliaia di giocatori…
Sontuoso Dybala, dimenticato Kaio Jorge. Capisco che ha solo 19 anni e che Morata aveva una voglia folle di giocare e segnare ma vedere il giovane brasiliano entrare in campo sul 4-1 per la Juventus, a 10’ scarsi dalla fine del match, è stato triste. La sensazione è che non ci sia spazio per Kaio Jorge. E’ arrivato a 10 presenze ufficiali in maglia bianconera (quasi sempre entrando per una manciata di minuti) e, ad oggi, nessun segno del suo talento. Forse la gara con la Sampdoria poteva essere l’occasione per dargli una chance vera: 90’ in campo, lasciandolo sbagliare senza la paura di essere sostituito. Non è andata così, magari accadrà nei quarti di finale… O, forse, il ragazzo dovrebbe andare in una squadra dove poter essere protagonista. Ovviamente in prestito perché, per il momento, nessuno sa quanto valga realmente. In campo, di fatto, non si è mai visto…
Chi vale è Cuadrado. Il colombiano non è più di primissimo pelo (classe 1988) ma, uno come lui, lo vuoi in campo con te sempre. Sa far tutto e lo fa dannatamente bene. Lui sta bene alla Juventus e non pensa ad altre squadre. E’ bianconero nel DNA e questo farà la differenza in sede di rinnovo. Va ricompensato per quello che ha fatto, sta facendo e farà ancora (sempre alla Juventus).