LA LANTERNA VERDE - Di Maria, spettacolo garantito… De Ligt a 120 milioni? Ma non era uno che giocava con le mani?

30.06.2022 00:05 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    vedi letture
LA LANTERNA VERDE - Di Maria, spettacolo garantito… De Ligt a 120 milioni? Ma non era uno che giocava con le mani?

Dai, qualcosa si sta muovendo. In questo clima equatoriale (anzi più da pianeta Venere), la Juventus sta iniziando a mettere a segni i colpi giusti. Chiaramente l’uomo copertina è lui: Angel Di Maria. Devo essere sincero: ho davvero tanta voglia di vederlo con la casacca bianconera. Credo che delizierà anche i palati più fini dell’Allianz Stadium. El Fideo non è uno dei tanti. La sua qualità è insindacabile. Certo, non è più quello di 5/10 anni fa, ma è sempre uno dei pochi che fa la differenza in campo. AL PSG non si è dovuto sbattere più di tanto, visto il livello medio della Ligue 1. Quindi, avrà bisogno di un po’ di tempo per prendere confidenza con il calcio italiano. Tuttavia, se uno è un fenomeno lo è ovunque, giusto? Diciamo che con lui sulla fascia e Paul Pogba a centrocampo non siamo messi affatto male…
Peccato che ci sia un de Ligt con le valigie pronte. Voglio restare ottimista ma, considerata la scarsità di grandi difensori in circolazione, temo che l’olandese possa accasarsi altrove. La Juventus non ha intenzione di fare sconti: 120 milioni per il cartellino dell’ex Ajax, non un centesimo in meno. Esattamente il valore della sua clausola rescissoria. Sarebbe un bel colpo a livello finanziario (nel 2019 è stato pagato 75 milioni di euro) ma una perdita enorme per la difesa bianconera, già orfana della leadership di Chiellini (ben arrivato a LA).
E qui polemizzo… Dove sono tutti quelli che dipingevano de Ligt come un giocatore normale, capace di giocare solo con le mani? Come mai un top club come il Chelsea sta pensando seriamente di arrivare a spendere i 120 milioni necessari per strapparlo alla Juventus? E, attenzione, ci hanno provato tante altre grandi del calcio europeo… La risposta è semplice: de Ligt è uno dei più forti difensori centrali in circolazione. Ha 22 anni ed è già un top player. In queste due stagioni con la Juventus è cresciuto molto, ha imparato come ci si comporta in Serie A. Sempre più leader anche a livello vocale, si è distinto come il perno della retroguardia bianconera. Dovesse partire, sarà durissima per Allegri che ha, da sempre, puntato su grandi difese per raggiungere grandi obiettivi. Io ho visto giocare l’olandese dal vivo decine e decine di volte. Posso contare sulle dita di una mano le partite che ha sbagliato. Mai avuto dubbi sul fatto che fosse, insieme a Dybala, il giocatore con più qualità della rosa bianconera. Ecco, onestamente non ero pronto a perderli entrambi nella stessa, afosa e accaldata, estate…
A proposito di Dybala… Credo che un giorno, forse neanche tanto lontano, si rammaricherà di non aver accettato di restare in bianconero a cifre meno altisonanti. Attenzione, è solo una mia sensazione ma spesso ci azzecco in queste cose… Meno male che arriva El Fideo, perché arriva, vero?