L'IMBOSCATA - Emergenza risolta, un terzino destro per Sarri in arrivo dalla Germania. Juve pronta a "prenotare" Tonali. E Paratici lavora a un grande colpo in attacco: due nomi sotto osservazione. Il Ventennio di Agnelli

Andrea Bosco ha lavorato al “Guerin Sportivo“, alla “Gazzetta dello Sport“, al “Corriere d'Informazione”, ai Periodici Rizzoli, al “Giornale“, alla Rai e al Corriere della Sera.
11.10.2019 00:20 di Andrea Bosco   Vedi letture
L'IMBOSCATA - Emergenza risolta, un terzino destro per Sarri in arrivo dalla Germania. Juve pronta a "prenotare" Tonali. E Paratici lavora a un grande colpo in attacco: due nomi sotto osservazione. Il Ventennio di Agnelli

Dopo la pausa dedicata alle Nazionali (invereconda la maglia verde senza tricolore approvata dal presidente Gravina) il campionato riprenderà con la Juventus prima in classifica, ospitante il Bologna di Sinisa (bentornato e ancora auguri). Auspicabile che la sosta non produca scorie. Non infrequentemente, le società, pagano un tributo alla causa nazionale delle varie federazioni .

La buona notizia per Sarri è che Emre Can è stato impiegato (con buoni risultati) nella sua nazionale da difensore di destra. Tradotto: Sarri potrebbe impiegarlo nella stessa posizione, avanzando Cuadrado nei tre d'attacco .

Se Mancini affiderà una posizione da mezz'ala a Bernardeschi, sarà per Sarri la seconda buona notizia. Una opzione in più. Io, nel caso accadesse, avendo ipotizzato la cosa ben prima di Allegri e dello stesso Sarri (carta canta , lo scrivo da almeno tre anni) pretenderò il patentino da allenatore anche senza aver sostenuto esami a Coverciano .

E non sto affatto scherzando. Io l'avevo scritto che Dybala avrebbe giocato al Meazza e avrebbe potuto essere determinante. Io: un allenatore senza panca, sovente interpellato aveva affermato che Dybala, nelle gare che contano “non è mai determinante“ .

Ovviamente c'è libertà di pensiero. Ma visto che io tendo a “prenderci" e altri (che teoricamente dovrebbero essere più titolati di me) viceversa no, direi che il patentino “ad honorem“ me lo sono ampiamente meritato .

Mica per dire: ma sempre io, avevo segnalato il sedicenne difensore dell'Ajax, De Ligt, come un prospetto importante per il futuro. Non sempre le ciambelle, peraltro riescono con il buco: in quell'Ajax mi ero invaghito anche del centrocampista Bazoer, che viceversa (in Germania) non ha mantenuto le attese. In Germania mi ero parimenti invaghito di Goretzka, finito al Bayern, dove non sempre gioca. Resto persuaso sia un ottimo giocatore, che nel caso, la Juventus, dovrebbe trattare.

Non tratterà la Juventus Rakitic, finito ai margini nel Barcellona. Lo farà l'Inter con Marotta che pare si sia già mosso per il croato per il mercato di gennaio.

A gennaio un altro croato (Mandzukic) dovrebbe lasciare la Juventus. Con mio enorme, personale dispiacere, ma a volte nella vita conviene dirsi addio .

A volte nella vita “certi amori, eccetera“: Si scrive Paul e si legge Pogba. Le cose a Manchester per lui non vanno bene, per il Manchester peggio di quanto non stiano andando a lui . Oggi, Pogba è poco più di una suggestione. E tale resterà se le cifre che circolano (sarebbe di 30 milioni l'anno, la richiesta di Raiola per il suo assistito) si riveleranno reali. A quelle cifre, immagino, neppure il Real Madrid sarebbe in grado di impegnarsi.

Ma la Juventus ha comunque, anche altre idee: in difesa, a centrocampo e in attacco, per la Signora che verrà. In difesa, in realtà tutto è stato già fatto: Romero del Genoa. A centrocampo, Paratici vuole definire al più presto la trattativa per Tonali. Il giovanotto, nello scontro diretto a Brescia, ha convinto sia Sarri che Paratici da tempo sulle sue tracce. Potrebbe esserci una prenotazione a gennaio soddisfacendo le richieste (tra i 40 e i 50 milioni) del Brescia . Ma non è escluso che la somma possa essere inferiore, facendo entrare nella trattativa giovani di qualità come il centrocampista Fagioli della Primavera. Probabilmente con la solita formula del riscatto e contro-riscatto .

In attacco due sono i nomi che girano: uno costa un Perù e risponde al nome di Sancho del Dortmund. Difficile ma estremamente intrigante. Il secondo è l'armadio norvegese del Salisburgo che potrebbe diventare alla Juventus il nuovo Mandzukic . Entrambi (come del resto Tonali) piacciono a mezza Europa. Non sarà facile, ma la Juventus ha ottimi argomenti finanziari. Oltre ad alcuni giocatori che hanno mercato.

Vi chiederete: Mbappè ? Solo se la stagione del Psg dovesse rivelarsi un fallimento . Per ora i francesi procedono con il vento in poppa.

Sensazioni per il prosieguo della stagione? Buone. Gigi Buffon ha detto che la vera Juventus si vedrà tra tre mesi. Stessa data ipotizzata da Chiellini, guarda caso. E visto che si tratta di due che se ne intendono, converrà aspettare. Al Meazza contro l'Inter si sono visti sprazzi di una bella Juve. E un Sarri che ha smentito il suo (presunto?) integralismo. Sarri è un pragmatico che ci ha messo poco a capire come funziona alla Juventus.

Ho letto le parole di Agnelli relative ai “20 scudetti di fila della Juve“. Certo, per gli avversari sarebbe, nel caso (impossibile, va detto) una catastrofe. E certamente per i tifosi avversari più che una “noia“, un “rosicamento” .

Ha fatto intendere Agnelli, probabilmente si annoierebbe anche lui .

Tuttavia, le sue parole, non vanno prese per oro colato: anche con “trenta di fila“, lui (che oltre ad essere il presidente è anche il primo tifoso di Madama), immagino si divertirebbe.

Certo, se contemporaneamente arrivasse anche qualche Champions il divertimento sarebbe completo.