Juve-Tottenham 2-2, le pagelle. Higuain illude e lotta, ma quanti rimpianti! 'Tradisce' anche Buffon

13.02.2018 22:45 di Edoardo Siddi Twitter:   articolo letto 22399 volte
Fonte: inviato all'Allianz Stadium
© foto di www.imagephotoagency.it
Juve-Tottenham 2-2, le pagelle. Higuain illude e lotta, ma quanti rimpianti! 'Tradisce' anche Buffon

Buffon 5: due ottimi interventi su Kane, ma sulle conclusioni dalla distanza non è sempre preciso. Gravissimo l'errore in occasione del gol del 2-2: la punizione di Eriksen è indirizzata sul suo palo, lui se la fa sfuggire. 

De Sciglio 6: concentrato, è autore di diverse diagonali provvidenziali nel primo tempo, quando si propone anche in avanti finché la Juve decide di provare a offendere. Nella ripresa fa il suo, limitando per quanto possibile le scorribande di Lamela e compagni.

Benatia 6: qualche sbavatura all'inizio, poi si riprende ed è il solito Medhi, anche se Kane e gli inserimenti di Eriksen e Alli lo costringono agli straordinari. Non può essere dominante come al solito, ma in più di un'occasione è decisivo.

Chiellini 5.5: alterna grandi chiusure a qualche imprecisione di troppo. Anche con i piedi. Troppo irruento su Alli in occasione della punizione del 2-2, il fallo alla fine costa carissimo.

Alex Sandro 5.5: non il modo migliore di festeggiare la centesima in bianconero. Lui fa il suo ed è tra i più continui in termini di propositività offensiva, ma le sbavature restano comunque troppe.

Khedira 5: era apparso in forma nelle ultime uscite, ma non riesce ad adattarsi ai ritmi imposti dal Tottenham e dalla Champions. Invisibile per larghi tratti, non riesce a opporre la dovuta resistenza al cospetto del centrocampo inglese (66' Bentancur 5.5: entra con voglia, ma non basta. Si becca al solito un giallo evitabile)

Pjanic 5.5: stupendo l'assist per Higuain in avvio, con cui si prende di fatto gioco di tutta la difesa del Tottenham. Sembra il preludio per una serata di magie, invece si spegne e fatica. Impreciso nella gestione della palla, non è rapido nemmeno a far ripartire l'azione. 

Bernardeschi 6: inizia benissimo, con enorme attenzione anche alla fase difensiva, poi cala come tutta la Juve con il passare dei minuti. Le occasioni migliori (e uniche) della ripresa, però, sono suoi guizzi. Conferma le buone impressioni di queste ultime uscite, ma il contesto non lo aiuta a emergere.

Douglas Costa 5.5: un solo guizzo 'alla Douglas', nel finale di tempo, che vale il rigore sprecato da Higuain. Pregevolissimo, ma troppo poco in 90 minuti. Nel resto della partita, infatti, non incide mai. Prova a svegliarsi nel finale, ma la squadra non lo assiste. (90' Asamoah sv)

Mandzukic 5.5: combatte e dà tutto, e fin qui niente di nuovo. Stringe i denti anche dopo il problema fisico, ma non è in grande forma e si vede. La manovra ne patisce. (75' Sturaro sv)

Higuain 6.5: estremamente difficile riassumere la sua prestazione con un numero. Pronti via è decisivo, con una doppietta che illude, poi si divora il 3-0 e sbaglia il rigore del 3-1. Non errori da poco. Nella ripresa, però, è l'unico che lotta e prova a combattere, creando qualche grattacapo al Tottenham e provando a far salire la squadra.

All. Allegri 5: propone una Juve quasi inedita e in questi casi la differenza tra genio e follia è labile. Pronti, via, sembra la serata delle celebrazioni, poi la Juve si abbassa troppo e non riesce più a uscire, con il 2-2 come naturale esito di una gara in cui la palla è sempre degli avversari, che giocano meglio e sembrano decisamente più in palla. Resta qualche rammarico per le occasioni sprecato, ma dopo la rimonta una riflessione è obbligatoria.

L'AVVERSARIO 

Tottenham (4-2-3-1): Lloris 6.5, Aurier 5, Sanchez 5.5, Vertonghen 6, Davies 5.5, Dier 6.5, Dembele 7, Eriksen 7.5 (90' Wanyama sv), Alli 7 (83' Son sv), Lamela 6 (89' Lucas sv), Kane 7.5. All. Pochettino 7