Juve-Bologna 2-1, le pagelle. Pjanic conferma lo stato di grazia, CR7 aggiunge una vittima. Torna San Gigi

19.10.2019 22:45 di Edoardo Siddi Twitter:    Vedi letture
Fonte: inviato all'Allianz Stadium
© foto di www.imagephotoagency.it
Juve-Bologna 2-1, le pagelle. Pjanic conferma lo stato di grazia, CR7 aggiunge una vittima. Torna San Gigi

Buffon 7: incolpevole sul gol del Bologna, ma la parata su Santander nel finale vale tre punti. Come un gol, più di un gol in quel momento. Decisivo ancora a conferma di questo sua fliratare con il concetto di eternità che poco si adatta ai calciatori e agli esseri umani in generale.

Cuadrado 6: qualche sbavatura in fase difensiva, ma accompagna bene l'azione e si sovrappone con grande costanza, finendo per essere spesso un attaccante aggiunto.

Bonucci 6: prezioso a più riprese con cattiveria ed eleganza. Mezzo voto in meno perché nel finale rischiava di combinarla grossa gestendo un pallone con eccessiva leggerezza.

De Ligt 6. nel primo tempo obbliga a scrivere due note nella lista degli errori. Meglio nella ripresa, quando prende sicurezza e chiude tutti gli spazi.

Alex Sandro 6.5: ormai si può aggiungere tranquillamente alla lista delle certezze. In fase difensiva non sbaglia mai, con due chiusure che annullano potenziali occasioni d'oro per gli ospiti. Sulla qualità quando attacca non c'è nulla di diverso rispetto al solito.

Khedira 6: non è brillantissimo, ma sbaglia comunque poco e fa il suo ondeggiando tra centrocampo e corsia di destra. Cerca anche il gol, ma Skorupski gli dice no. (60' Bentancur 6: prova a mettere ordine, ma si ritrova spesso in situazioni non facili. Paradossalmente è decisivo prendendosi un giallo, quando ferma Sansone, lanciato verso la difesa bianconera)

Pjanic 7.5: altro che affaticato, permane lo stato di grazia. Ruba palla agli avversari, custodisce il possesso quando i compagni hanno bisogno di lui e appena ha spazio verticalizza. Ancora, ancora e ancora. Pensa guardando la porta, per incrementare la pericolosità della sua Signora. E, da buon leader, capisce che serve lui per portare a casa i tre punti. Eccolo lì, palla in rete ed ennesima esultanza.

Rabiot 6: comincia bene, poi si spegne un po', poi ritorna a far vedere buone cose, poi cala ancora. La continuità va trovata, ma regala alcuni spunti molto interessanti che lasciano intravedere un potenziale da non sottovalutare (72' Matuidi 6: servivano corsa e sacrificio, li porta lui)

Bernardeschi 6: la grande voglia di incidere a volte sfocia in giocate molto interessanti e utili, come per esempio il controllo da cui nasce il gol del 2-1, mentre in qualche circostanza lo rende un po' confusionario. Si muove comunque bene.

Higuain 6.5: non trova il gol solo per colpa di Skorupski. E l'avrebbe meritato eccome. Si muove tanto su tutto il fronte offensivo, aspettando l'occasione giusta, ma ricoprendo spesso il ruolo di regista offensivo che gli calza a pennello. Benissimo sotto l'aspetto della voglia. (82' Dybala sv)

Ronaldo 7: aggiunge anche il Bologna alla lista delle vittime, con il gol numero 701 per andare a caccia dell'ennesimo record. Skorupski gli nega la doppietta, ma gol a parte vive da vero uomo squadra la partita. Pulisce tutti i palloni e sforna assist con discreta costanza. E poi ha voglia, una voglia matta che traspare persino quando il pallone ce l'hanno gli avversari. 

All. Sarri 6.5: la Juve domina per larghi tratti, anche se poi va in gol su due errori del Bologna. Nel finale serve un super Buffon per evitare la beffa e sicuramente la gestione di qualche possesso non gli sarà piaciuta.

L'AVVERSARIO 

Bologna (4-2-3-1): Skorupski 6.5; Mbaye 6, Danilo 7, Bani 6, Krejici 5.5; Poli 6.5 (82' Dzemaili sv), Svanberg 6 (80' Skov Olsen sv); Orsolini 6; Soriano 5, Sansone 5.5 (80' Santander 6.5), Palacio 6.5. All. Mihajlovic 6