ESCLUSIVA TJ - Zoff su Buffon: "Può giocare ancora. Ecco perchè è diventato il migliore. Sull'eterno paragone tra me e lui..."

11.05.2021 16:30 di Luca Cavallero   Vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Zoff su Buffon: "Può giocare ancora. Ecco perchè è diventato il migliore. Sull'eterno paragone tra me e lui..."
TuttoJuve.com
© foto di Federico De Luca

Riguardo all'addio annunciato da parte di Gianluigi Buffon alla Juventus, la redazione di TuttoJuve.com ha intervistato in esclusiva Dino Zoff, storico ex portiere bianconero.

Come giudica l'addio di Buffon alla Juve?

"Se si è sentito di fare questa scelta la si deve rispettare. Punto e basta".

Dovesse dargli un consiglio sul futuro?

"Non ha bisogno dei miei consigli. Dico solo una cosa".

Quale?

"Se se la sente di giocare ancora può farlo tranquillamente, in qualsiasi squadra. E' tutta una questione di stimoli e motivazioni. Non di altro a quel punto della carriera".

Crede che il continuo accostamento a lei lo abbia stimolato, nel corso della sua carriera, a cercare di battere sempre nuovi record?

"Non saprei. Io ho avuto i miei record, lui i suoi. Ha scritto pagine di storia importanti":

Qual è il segreto di tanta longevità?

"Avere motivazioni e voglia di andare avanti. Quello alla base di tutto".

Lei lo ha allenato in Nazionale da giovanissimo: qual è il suo primissimo ricordo di lui?

"Ho un rimpianto".

Quale?

"Purtroppo si fece male prima dell'Europeo: era già pronto, da giovanissimo, a giocare ad alti livelli. A 18 anni era già una certezza".

Qual è la caratteristica peculiare che ha sempre contraddistinto Buffon rispetto a tutti gli altri?

"La personalità e il talento. Lui ha cominciato e non ha avuto bisogno di fare nessuna gavetta: poteva già giocare ad alti livelli già da giovanissimo".

Chiosa sulla Juventus: come commenta le ultime vicissitudini in orbita bianconera?

"Ci sono stati tanti cambiamenti. Si pensi alla qualificazione in Champions: sarebbe già un risultato importantissimo. Dopo dieci anni di vertice, può capitare un'annata di questo tipo. Ma la Juve resta sempre la Juve".

Si ringrazia Dino Zoff per la cortesia e per la disponibilità dimostrate in occasione di questa intervista.