ESCLUSIVA TJ - Lo scopritore di Berardi: "Ora è pronto per la Juve, sarebbe la chiusura del cerchio. Valutazione Sassuolo onesta, che trio con Chiesa e Vlahović. Sul suo tifo..."

08.06.2022 16:30 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Lo scopritore di Berardi: "Ora è pronto per la Juve, sarebbe la chiusura del cerchio. Valutazione Sassuolo onesta, che trio con Chiesa e Vlahović. Sul suo tifo..."
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, l'ex talent scout del Sassuolo e scopritore di Domenico Berardi, Luciano Carlino, per parlare approfonditamente del talento di Cariati e non solo:

Nelle ultime ore c'è stato un contatto tra Juve e Sassuolo in cui è stato fatto il nome di Domenico Berardi. Quale è la tua opinione in merito?

"Sarebbe la chiusura del cerchio, perché molti anni fa la società bianconera deteneva metà del suo cartellino e ci fu un avvicinamento molto concreto. All'epoca non era pronto per lasciare il Sassuolo, mentre adesso potrebbe aver voglia di provare una nuova sfida come la Juventus. Domenico è uno dei migliori nel suo ruolo in Italia, la sua efficacia consente di far giocare bene anche i propri compagni".

E la Juventus, che è in trattativa anche per Di Maria, sta cercando un giocatore proprio in quella zona di campo.

"Esatto, c'è sia la necessità che l'interesse. Alla Juventus potrebbe essere in grado di esprimere al meglio il suo potenziale".

Riprendendo un tuo concetto di poco fa, che cosa intendi con il "non esser pronto"? Perché non lo era?

"Non era troppo maturo dal punto di vista mentale, in quel momento era davvero troppo difficile gestire tutta quella pressione. Aveva tutto il mondo addosso. Oggi è diverso, è più grande dal punto di vista anagrafico e aver creato una famiglia lo ha responsabilizzato. Anche esser diventato campione d'Europa con la Nazionale ha avuto un suo peso, perché questo gli ha tolto un po' di quel provincialismo che appartiene a chi gioca sempre nella stessa squadra di provincia. I tempi sono quelli giusti, per me si sente pronto per vivere una sfida del genere".

Quindi non temi possa subire, almeno inizialmente, un po' il fascino della Vecchia Signora a livello di pressione?

"Non credo, per due motivi: c'è un allenatore come Allegri che lo stima tantissimo, poi la Juve ha sempre protetto i suoi giocatori da quelli che sono i flussi esterni. Come dicevo, è pronto per vivere un'esperienza del genere".

Un tridente con Chiesa, con cui si è giocato il posto all'Europeo, e Vlahović come lo vedresti?

"Sarebbe un tridente non indifferente che mi piacerebbe allenare, con il giusto mix di gioventù ed esperienza. Per me andrebbe a nozze sia come assistman per Vlahović e sia come finalizzatore, quest'anno in particolare ha vissuto un'annata in cui è andato in doppia cifra sia a livello realizzativo e sia a livello di assistenze. Ci vorrebbe per far ritrovare quel 'Made in Italy' che un po' si è smarrito, a me piacerebbe veder lì anche Raspadori ma sono di parte (sorride ndr)".

La valutazione del Sassuolo si attesterebbe attorno ai 30/35 milioni, è giusta per quel che è il tuo parere?

"Sì, è una valutazione onesta. Juve e Sassuolo potrebbero intavolare una trattativa in cui coinvolgere altri giocatori, d'altronde sono società che già in passato hanno chiuso diversi affari. Non sarà il prezzo il problema, anche se il club bianconero non è l'unico ad essere sulle sue tracce".

In effetti anche il Milan e la Roma hanno fatto dei sondaggi per Berardi.

"E' un profilo che può interessare, perché più squadre hanno delle lacune in quella zona di campo".

Potrebbe essere un interista a far vincere la Juve? Sappiamo bene che Berardi, fin da giovanissimo, è sempre stato tifoso dei nerazzurri.

"Ormai credo abbia superato questa fase, il Domenico di oggi è un professionista a tutto tondo. L'esperienza con l'Italia un po' allontana questa bandiera, alla fine il calciatore è tifoso per la squadra in cui gioca. Lui di certo non farebbe eccezione".

Si ringrazia Luciano Carlino per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.